II Assemblea Popolare – sblocchiamo NOI Bagnoli – X Municipalità

Dopo la grandissima partecipazione alla prima assemblea popolare e ai tavoli di lavoro, secondo appuntamento per proseguire in assemblea l’organizzazione della mobilitazione e le proposte dei tavoli tematici.

APPUNTAMENTO SABATO 24 DALLE ORE 9:00
ALL’INTERNO DEL PARLAMENTO DELLA X MUNICIPALITA’
IL COMMISSARIAMENTO SARA’ POPOLARE!

12072649_878405325577948_133595368817113996_n
—-
Dopo il corteo del 30 Settembre e la prima Assemblea popolare a Villa Medusa di Sabato 10, per decidere sul futuro dell’area e per mettere al centro i bisogni di chi vive la città e i territori, ogni due settimane di Sabato ci incontreremo per discutere e decidere sul nostro futuro, non staremo più a guardare aspettando che il politico o lo speculatore di turno vengano a prendere le decisioni in base ai loro bisogni.

Mettere d’avanti le necessità degli abitanti del quartiere partendo dai problemi che giorno per giorno siamo costretti ad affrontare.

Abbiamo già individuato alcuni nodi centrali da affrontare per poter iniziare la discussione e dividerci in tavoli: l’annosa questione dei trasporti legata alla gestione della sepsa, la problematica relativa alla mancanza di edifici scoalstici e di una scarsa possibilità di lavoro per gli studenti, la questione disoccupazione che tiene in scacco numerosi cittadini costringedoli ad emigrare, le problematiche legate alla movida senza controlli…

Queste sono sole alcune delle questioni che ci preme discutere ma sicuramente altre ne verranno fuori durante il dibattito.

PARTECIPA PER DECIDERE SUL FUTURO DEL TUO QUARTIERE

BASTA LAMENTARSI!
LIBERIAMO BAGNOLI!
SBLOCCHIAMO NOI BAGNOLI
DECIDIAMO NOI SUL NOSTRO TERRITORIO!

Dopo che negli ultimi mesi Renzi ha giocato sul nome del commissario, sembra essere ufficiale che la nomina verrà data a Nastasi, volto in apparenza nuovo ed estremamente pulito.

Personaggetto perfetto per chi vuole mascherare operazioni ben più contorte e pericolose, quale l’individuazione del soggetto attuatore privato che con l’articolo 33 della legge ‘Sblocca Italia’ andrà avanti con provvedimenti mirati a mettere il destino di un’area di oltre 250 ettari in mano alla speculazione edilizia, agli interessi privati dei vari Caltagirone e Fintecna e alla trasformazione del principio “chi inquina paga” in “chi inquina viene ripagato”.

Vogliamo veramente lasciare in mano al partito che attualmente sta governando l’Italia e alle stesse società e soggetti responsabili di questo disastro ancora una volta la possibilità di decidere sul futuro del nostro territorio?

Pensi davvero che siano loro a “sbloccare” Bagnoli?

Per un reale ripristino, progresso e riqualificazione delle aree ex-Italsider, cosi come l’area Ex-Nato, l’alternativa a questo disastro non può che provenire da noi, l’inversione di rotta non può che partire da chi Bagnoli la vive e la soffre.

CHI HA INQUINATO DEVE PAGARE:
Bonifiche reali e sotto controllo popolare
Lavoro stabile e sicuro
Spiaggia pubblica
Servizi e spazi sociali

UN’ALTRA BAGNOLI E’ POSSIBILE
CHI HA INQUINATO DEVE PAGARE
IL COMMISSARIAMENTO SARA’ POPOLARE
BONIFICA, LAVORO, SERVIZI, SPIAGGIA, SPAZI SOCIALI

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli, Bonifica, Solidarietà, Welfare

13 giugno, ore 17: #PrendiSpazio al Lido Pola – Assemblea verso la gestione comunitaria dello spazio

Il Lido Pola era uno stabile abbandonato da circa 20 anni, lasciato al degrado strutturale, igienico-sanitario e sociale : il 17 maggio 2013 è stato occupato dal collettivo Bancarotta 2.0 per bloccarne la svendita e la privatizzazione, nonché per cominciare un percorso di riappropriazione e di recupero sociale della struttura, con interventi di riqualificazione e messa in sicurezza.

#PrendiSpazio

Questo processo di partecipazione ed auto-organizzazione dal basso ha prodotto dei progressi in fatto di smaltimento dei rifiuti, interventi di messa in sicurezza dei solai e di impermeabilizzazione del tetto, installazione di porte, finestre, servizi, attrezzature per garantire la vivibilità e l’ accessibilità della struttura a tutti.

Attraverso la realizzazione di attività sociali e politiche, artistiche e culturali (assemblee, dibattiti, concerti, esposizioni, presentazione di libri, cineforum, teatro, mostre corsi, laboratori, stage e molto altro ancora) e la partecipazione attiva di coloro che le attraversano, vogliamo dare nuova destinazione d’ uso ad uno dei tantissimi spazi abbandonati di Bagnoli, un quartiere in cui governi ed amministrazioni negli ultimi decenni hanno lasciato spazio solo ad inquinamento, speculazione economica e svendita dei beni pubblici, invece di soddisfare i bisogni e i desideri di chi lo abita.

Tale processo, nonostante l’arrivo delle solite misure repressive, è stato portato da subito all’attenzione del Comune di Napoli e dell’Agenzia del Demanio (proprietaria dello stabile) con la proposta di trovare le modalità per realizzare una gestione partecipata nonché l’auto-recupero della struttura e la bonifica delle aree circostanti dai rifiuti, a partire dal trasferimento dello stabile dalla gestione demaniale a quella comunale.

Al dialogo con le istituzioni sono, però, seguiti pochi fatti concreti: il sito è ancora da bonificare, l’acquisizione da parte del Comune di Napoli è in fase di completamento, non esiste una progettualità né un interesse politico forte nel valorizzare il percorso di partecipazione e di autorecupero costruendo le condizioni per la sua continuità. Dopo due anni di dialogo vogliamo proseguire il percorso senza aspettare, come abbiamo sempre fatto. Stavolta mettiamo al centro la gestione e la progettualità sul futuro del Lido Pola, a partire dalla partecipazione.

Nonostante la forte solidarietà dimostrata in questi anni da abitanti del quartiere e dai movimenti cittadini, sentiamo la necessità di ampliare e condividere la gestione dello spazio con tutte le persone che in questi mesi hanno attraversato, pensato, vissuto, o anche solo sbirciato quanto realizzato finora al Lido Pola: agli attivisti, alle associazioni, agli artisti, ai precari, ai lavoratori, ai disoccupati, agli insegnanti, ai ricercatori, agli studenti e a tutte le persone interessate alla gestione partecipata e comunitaria di una struttura che è una risorsa dell’intera città.

Così come avviene in tanti spazi che in questi anni sono stati occupati e restituiti alla città (l’ex asilo Filangieri, il Giardino di Materdei, Villa Medusa, il convento di S. Fede liberata, il Parchetto di Soccavo, e così via), si vuole proporre un’idea di uso lontana dalla gestione privatistica e dalla logica del profitto connessa ai bisogni e alle lotte dei territori, costruendo reti di solidarietà e mutualismo, facendo della nostra esperienza comune una concreta alternativa politica e culturale alla distruzione del welfare, dei servizi, alla chiusura degli spazi di socialità. Farsi, insomma, anticorpi contro il dilagare di fascismo, razzismo, securitarismo, individualismo, e promuovere insieme un modo diverso di vivere i territori e le relazioni.

Invitiamo tutte/i sabato 13 giugno alle 17:00 al Lido Pola per partecipare, con proposte per nuove attività o per rilanciare le iniziative che sono state realizzate al Lido Pola in questi anni, al dibattito sul percorso di costruzione di un’assemblea di gestione comunitaria.

Sostieni gli spazi sociali, sostieni il Lido Pola: #PrendiSpazio anche tu!

Bancarotta 2.0

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli, Bancarotta, Bonifica, Concerti, Welfare

13 giugno, ore 17: #PrendiSpazio al Lido Pola – Assemblea verso la gestione comunitaria dello spazio

#PrendiSpazio

Il Lido Pola era uno stabile abbandonato da circa 20 anni, lasciato al degrado strutturale, igienico-sanitario e sociale : il 17 maggio 2013 è stato occupato dal collettivo Bancarotta 2.0 per bloccarne la svendita e la privatizzazione, nonché per cominciare un della struttura, con interventi di riqualificazione e messa in sicurezza.

Questo processo di partecipazione ed auto-organizzazione dal basso ha prodotto dei progressi in fatto di smaltimento dei rifiuti, interventi di messa in sicurezza dei solai e di impermeabilizzazione del tetto, installazione di porte, finestre, servizi, attrezzature per garantire la vivibilità e l’accessibilità della struttura a tutti.

Attraverso la realizzazione di attività sociali e politiche, artistiche e culturali (assemblee, dibattiti, concerti, esposizioni, presentazione di libri, cineforum, teatro, mostre corsi, laboratori, stage e molto altro ancora) e la partecipazione attiva di coloro che le attraversano, vogliamo dare nuova destinazione d’uso ad uno dei tantissimi spazi abbandonati di Bagnoli, un quartiere in cui governi ed amministrazioni negli ultimi decenni hanno lasciato spazio solo ad inquinamento, speculazione economica e svendita dei beni pubblici, invece di soddisfare i bisogni e i desideri di chi lo abita.

Tale processo, nonostante l’arrivo delle solite misure repressive, è stato portato da subito all’attenzione del Comune di Napoli e dell’Agenzia del Demanio (proprietaria dello stabile) con la proposta di trovare le modalità per realizzare una gestione partecipata nonché l’auto-recupero della struttura e la bonifica delle aree circostanti dai rifiuti, a partire dal trasferimento dello stabile dalla gestione demaniale a quella comunale.

Al dialogo con le istituzioni sono, però, seguiti pochi fatti concreti: il sito è ancora da bonificare, l’acquisizione da parte del Comune di Napoli è in fase di completamento, non esiste una progettualità né un interesse politico forte nel valorizzare il percorso di partecipazione e di autorecupero costruendo le condizioni per la sua continuità. Dopo due anni di dialogo vogliamo proseguire il percorso senza aspettare, come abbiamo sempre fatto. Stavolta mettiamo al centro la gestione e la progettualità sul futuro del Lido Pola, a partire dalla partecipazione.

Nonostante la forte solidarietà dimostrata in questi anni da abitanti del quartiere e dai movimenti cittadini, sentiamo la necessità di ampliare e condividere la gestione dello spazio con tutte le persone che in questi mesi hanno attraversato, pensato, vissuto, o anche solo sbirciato quanto realizzato finora al Lido Pola: agli attivisti, alle associazioni, agli artisti, ai precari, ai lavoratori, ai disoccupati, agli insegnanti, ai ricercatori, agli studenti e a tutte le persone interessate alla gestione partecipata e comunitaria di una struttura che è una risorsa dell’intera città.

Così come avviene in tanti spazi che in questi anni sono stati occupati e restituiti alla città (l’ex asilo Filangieri, il Giardino di Materdei, Villa Medusa, il convento di S. Fede liberata, il Parchetto di Soccavo, e così via), si vuole proporre un’idea di uso lontana dalla gestione privatistica e dalla logica del profitto, connessa ai bisogni e alle lotte dei territori, costruendo reti di solidarietà e mutualismo, facendo della nostra esperienza comune una concreta alternativa politica e culturale alla distruzione del welfare, dei servizi, alla chiusura degli spazi di socialità. Per farsi, insomma, anticorpi contro il dilagare di fascismo, razzismo, securitarismo, individualismo, e promuovere insieme un modo diverso di vivere i territori e le relazioni.

Invitiamo tutte/i sabato 13 giugno alle 17:00 al Lido Pola per partecipare, con proposte per nuove attività o per rilanciare le iniziative che sono state realizzate al Lido Pola in questi anni, al dibattito sul percorso di costruzione di un’assemblea di gestione comunitaria.

Sostieni gli spazi sociali, sostieni il Lido Pola: #PrendiSpazio anche tu!

Bancarotta 2.0

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli, Bancarotta, Bonifica, Solidarietà

[COMUNICATO STAMPA] BANCAROTTA BRUCIA. LE FIAMME PRIMA DEL COMMISSARIAMENTO

Conferenza stampa sabato 7 marzo ore 12 in via Coroglio n° 49, fuori i cancelli di Bancarotta

10339386_731035973684467_4887018685413014303_o

Appiccato questo pomeriggio un incendio a Bancarotta, l’ex banca nell’ex area Italsider su via Coroglio occupata nel 2012 dai movimenti e poi posta sotto sequestro dalla Magistratura nell’ambito dell’inchiesta per truffa e disastro ambientale nei confronti dei vertici di BagnoliFutura.

L’ingresso è stato immediatamente presidiato dalla polizia, i vigili del fuoco invece sono intervenuti dopo circa un’ora dopo, a seguito di ripetute segnalazioni.

Ancora non sono chiare la natura dell’incendio e l’entità dei danni, ma la matrice dolosa appare scontata.

Parte della struttura è andata distrutta. Dai primi accertamenti dei vigili del fuoco risulta inoltre che le fiamme sono divampate dall’interno,e non accidentalmente. La polizia presente sul posto ha comunicato che la scientifica non farà i rilievi che domani mattina, a distanza di un giorno dall’accaduto: una procedura, a nostro avviso, piuttosto anomala rispetto alla gravità dei fatti.

11043332_731035927017805_5473325891852945855_o

Con notevole puntualità, a pochi giorni dall’annuncio del governo di un imminente arrivo del Commissario straordinario su Bagnoli avversato dai comitati cittadini e dalle amministrazioni locali, l’incendio arriva”oggettivamente” a consolidare la logica emergenzialistica chesostiene lo stesso commissariamento e le ragioni della speculazione edilizia.

Ricordiamo che a poche centinaia di metri ci fu, giusto due anni fa, il clamoroso incendio di Città della Scienza di cui nulla si sa di ufficiale su mandanti ed esecutori.

I movimenti di Bagnoli vedono in quest’atto un nuovo capitolo della speculazione criminale e un tentativo di intimidazione a chi vi si oppone. A due anni di distanza, il sequestro della Magistratura è servito solo a interrompere le attività di riqualificazione sociale dello spazio: la custodia giudiziaria lo ha consegnato all’incuria e all’abbandono senza tutelarlo da danneggiamenti e da atti di vandalismo, già precedentemente denunciati, nonché dall’incendio di oggi.

Questo è il risultato dell’abbandono e della guerra a bassa intensità che i poteri forti stanno giocando su questa parte di città per mettere in fuori gioco chi rivendica e si riappropria di spazi e di diritti! Se venisse confermata ufficialmente la matrice dolosa, non possiamo non considerare la natura intimidatoria del gesto.

Domattina,sabato 7 marzo, invitiamo tutti a prendere parte alla conferenza stampa alle ore 12 fuori Bancarotta, in via Coroglio n°49.

Ora è il momento di difendere inostri territori e la nostra agibilità!

10984209_731035917017806_1180190112203208135_n

NO AL COMMISSARIAMENTO E ALLA SPECULAZIONE
DIFENDIAMO GLI SPAZI SOCIALI E IL FUTURO DI BAGNOLI

Lascia un commento

Archiviato in Bancarotta

INTIMIDAZIONI GIUDIZIARIE CHE… FANNO ACQUA DA TUTTE LE PARTI! La magistratura fa un favore ai privati e criminalizza ancora l’esperienza di recupero sociale del Lido Pola.

[COMUNICATO UFFICIALE] INTIMIDAZIONI GIUDIZIARIE CHE… FANNO ACQUA DA TUTTE LE PARTI!
La magistratura fa un favore ai privati e criminalizza ancora l’esperienza di recupero sociale del Lido Pola.

1017494_286999321440421_953025299_nPochi giorni fa sono stati notificati avvisi di garanzia a due attivisti del collettivo Bancarotta 2.0 per furto aggravato e con concorso formale (una sorta di associazione a delinquere) per un allaccio alla rete idrica dell‘ABC (che ironia della sorte sta per Acqua Bene Comune), e il furto di acqua per un valore di circa 2800 € (un consumo assolutamente esagerato per una struttura disabitata e utilizzata solo a scopo sociale, di cui non sappiamo come è avvenuta la misurazione!) in corrispondenza della struttura del Lido Pola liberato a Coroglio.
Il Lido Pola, lo ricordiamo, è una struttura demaniale (pubblica) che ha vissuto per anni in stato di abbandono e su cui si accapigliano le mire speculative dei privati (in primis gli ex concessionari inadempienti) come è avvenuto sul resto del litorale Bagnoli-Coroglio provocando ed aggravando lo scempio edilizio, sociale ed ambientale della mancata bonifica e del disastro dell’area occidentale di Napoli. Da quasi due anni è stata occupata e rifunzionalizzata attraverso un percorso di partecipazione che ha coinvolto centinaia di persone in iniziative a carattere culturale, musicale, politico e sociale, nel solco di un movimento per i beni comuni che in città ha prodotto tante esperienze virtuose di recupero sociale di spazi abbandonati, talvolta svolgendo funzioni che toccherebbero al pubblico.
Col lavoro volontario e militante di tanti attivisti e amici, si è contribuito a raccogliere i fondi e a svolgere i lavori per la messa in sicurezza, la ristrutturazione, l’impermeabilizzazione del tetto, la messa in funzione dei sanitari e degli impianti, il restyling, le attrezzature, per la gestione e la manutenzione ordinaria e straordinaria della struttura.
L’ex Lido Pola è l’unico bene pubblico, collocato nel borgo di Coroglio, che si sta tentando di rifunzionalizzare in maniera trasparente, democratica e a scopo sociale, a differenza di tutti gli altri stabilimenti presenti su suolo pubblico, che vengono utilizzati per attività private da alcune aziende, fondazioni e associazioni.
Ricordiamo che come Bancarotta 2.0 abbiamo da subito coinvolto il Comune di Napoli chiedendo agli uffici di competenza di avviare le procedure per acquisire il Lido Pola nel patrimonio pubblico comunale, togliendolo all’incuria dell’Agenzia del Demanio, e salvandolo così dall’abbandono e dalla speculazione dei privati, dandogli una destinazione d’uso sociale, e avviando un percorso di ri-progettazione partecipata di quegli spazi con la cittadinanza e la comunità che se ne prende cura. Questi da sempre gli obiettivi, pubblici, dichiarati, chiari, di questo movimento! 

Ora la Procura accusa, non sappiamo con quali elementi probatori, due persone per aver concorso a un “disegno criminoso atto a realizzare profitti attraverso l’occupazione abusiva di uno stabilimento balneare” (dimenticando che si tratta di un rudere su un litorale inquinato e non balneabile).

Un’offesa e una beffa per chi si batte da anni con i cittadini per la bonifica e la spiaggia pubblica a Bagnoli, e contro la logica del profitto che ha prodotto solo devastazione e abusivismo.
Al di là della gravità delle accuse, costruire un teorema accusativo sulla base di un allaccio a una rete idrica che è stata dichiarata Bene Comune da un referendum popolare e poi dall’amministrazione è un paradosso inaccettabile e pericoloso, specie se accompagnato all’accusa infame dei profitti.
A Napoli migliaia di persone non possono pagare le bollette, ma nessuno può pensare di trasformare la questione della distribuzione idrica, che è un bene fondamentale, in una questione criminale o peggio in uno strumento di criminalizzazione dei movimenti. L’acqua è un bene comune e nessuno può esserne privato. L’uso di un bene comune, in uno spazio comune, di proprietà pubblica, non può essere un reato. Questo dovrebbero saperlo bene i vertici e i funzionari di ABC, la società Acqua Bene Comune costituita da Alberto Lucarelli per invertire la tendenza della privatizzazione e assicurare una gestione idrica che andasse verso la tutela dell’acqua bene comune, come aveva sancito il voto di milioni di italiani al referendum del giugno 2011. Ma forse si sono distratti: e hanno fatto partire la denuncia!
Alla Magistratura vorremmo ricordare che il movimento criminoso atto a trarre profitti sul territorio di Bagnoli non è “Bancarotta 2.0”, ma forse quello che riguarda gli imputati dei processi per truffa allo stato e devastazione ambientale (per un valore che supera i 500 milioni di euro), dunque i vertici della defunta BagnoliFutura, le grandi imprese del cemento come Fintecna e il gruppo Caltagirone, i carrozzoni politici e clientelari che hanno favorito la devastazione sociale ed ambientale del nostro quartiere negli ultimi venti anni, agendo in deroga alle leggi secondo una logica di spartizione di poltrone, incarichi, interessi, posti di lavoro, voti e favori.
Queste accuse assurde e insopportabili costituiscono un favore ai privati, agli speculatori e ai veri abusivi da un lato, e a coloro che stanno caldeggiando l’ipotesi nefasta del commissariamento, sancita dal governo con la legge Sblocca-Italia, a Bagnoli e l’ulteriore espropriazione di democrazia e della possibilità di una comunità territoriale di decidere e costruire il proprio futuro.

Chiediamo a tutt* quelli che abbiamo incrociato in questi anni di lotte e di riappropriazione di continuare a sostenere Bancarotta 2.0 e l’esperienza di recupero sociale del Lido Pola per difenderla dall’attacco della magistratura che fa un favore ai poteri forti, ai privati, agli speculatori, ai partiti che da anni hanno mal governato questo territorio e questa città.

Giù le mani dai beni comuni!
Altro che profitti, siamo ancora in Bancarotta (2.0)!

Napoli, 24 febbraio 2015

Bancarotta 2.0 _ Lido Pola liberato

Twitter:

Lascia un commento

Archiviato in Bancarotta

Il PD, 4 amici al bar…

Qualche consigliere da destra a sinistra, compreso qualcuno dichiaratamente fascista, qualche ragazzo venuto da fuori e niente più, escluso ovviamente l’accompagnamento adatto e necessario a questi signori per farsi un banchetto: celerini con camionette, defender e la decina di ispettori della Digos, insieme al ViceQuestore Fiorillo che era impegnato ad andare a dire alla gente dai balconi che non poteva calare striscioni altrimenti avrebbe provveduto a salire per prendere nominativi.

Ecco l’iniziativa oggi del Partito Democratico a Bagnoli, blindati in una piazza mentre attorno a questa e per tutto il restante quartiere un corteo spontaneo ha ribadito ancora una volta che c’è chi ha capito il loro vero volto.21
Non solo responsabili della devastazione ambientale, disoccupazione, inquinamento e precarietà a Bagnoli…
Nascosti per decenni nelle stanze dei bottoni vivendo della rendita elettorale lasciatagli in eredità dal vecchio PCI
Hanno pianificato il massacro sociale di milioni di proletari in nome dell'”Europa” (BCE e Troika), precarizzando ogni aspetto delle nostre vite, distruggendo ogni conquista sociale e dando mano libera ai padroni di licenziare e di spremere i proletari a loro piacimento.
Hanno condannato milioni di giovani al lavoro nero e alla disoccupazione a vita.
Si sono serviti dei sindacati corrotti e venduti per addormentare i lavoratori, di una casta di burocrati, colletti bianchi, baroni universitari, buffoni di corte e giornalisti prezzolati per occupare ogni spazio e ogni ruolo-chiave nel mondo dell’arte, della cultura, della scienza, della ricerca e dell’intera macchina amministrativa statale.
Hanno sguinzagliato giudici e forze dell’ordine col compito di ordire trame repressive contro chiunque non accetta le loro politiche di “lacrime e sangue”
Hanno ideato e sponsorizzato la forma più brutale di sfruttamento dei lavoratori attraverso il perverso sistema delle cooperative in gran parte dei più importanti gangli del sistema produttivo.Hanno distrutto e devastato i nostri quartieri e aver fatto morire i nostri cari di tumore in nome degli interessi della malavita, delle lobbies dell’malaffare e dei grandi gruppi industriali.223
Hanno pianificato guerre e saccheggi di risorse ai danni di altri popoli con la scusa degli interventi umanitari.
Hanno violentato e calpestato ogni residuo di democrazia, mentre sono ancora all’opera per prostituire ancora di più la stessa Costituzione borghese agli interessi di sfruttatori, strozzini e parassiti di ogni risma.

ALLE PROSSIME REGIONALI PUNIAMOLI CON L’UNICA ARMA CHE A LORO FA MALE: NON VOTIAMOLI E CONVINCIAMO OGNI NOSTRO PARENTE, AMICO, COLLEGA CONOSCENTE, COINQUILINO A NON VOTARLI!

NON DEMORDIAMO NELLE PIAZZE E NEI LUOGHI DI AGGREGAZIONE – COSTRUIAMO UNA MOBILITAZIONE REALE PER ABATTERE QUESTI PARASSITI

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli

[Appello Nazionale] Contro lo SbloccaItalia > Oltre lo sbloccaitalia

Nessuna decisione sulle nostre teste!

Verso un movimento nazionale di massa contro lo sfruttamento dell’uomo e dell’ambiente

 no sblocca italia

In questi mesi si sono sviluppate numerose mobilitazioni popolari contro lo SbloccaItalia, soprattutto nei territori centro-meridionali dove la crisi morde più forte. Migliaia di persone sono scese in piazza a Napoli, Potenza, Taranto, in Irpinia ed altri territori, per dire no ad operazioni dannose, molte delle quali già in gestazione da tempo, a cui questa norma spiana la via: autostrade inutili, Tav, trivellazioni per idrocarburi, gasdotti, inceneritori, false bonifiche, speculazioni edilizie, privatizzazione di beni e servizi pubblici.

Significativamente, le comunità in lotta hanno cercato da subito forme di coordinamento e reciproco sostegno contro il nemico comune, risultando chiaro a tutte che al cuore dello SbloccaItalia c’è un ulteriore esproprio di decisionalità e risorse dai territori. L’attacco di Renzi ai “comitatini” che bloccherebbero lo sviluppo del paese ha indicato a tutti con chiarezza la duplice compressione a cui si intende sottoporre sia la democrazia che l’ambiente in nome di una presunta uscita dalla crisi economica. Con questo provvedimento ed altri di segno analogo il governo Renzi prosegue infatti nel solco dei suoi predecessori, rafforzando il controllo dell’esecutivo sul governo del territorio per imporre il trasferimento ai grandi gruppi imprenditoriali di ingenti risorse pubbliche; quelle stesse risorse che, con la scusa della loro ristrettezza, vengono sottratte alla spesa sociale. Siamo, inoltre, di fronte all’introduzione della totale impunità per chi inquina. Norme compiacenti come lo SbloccaItalia riducono i controlli pubblici e permettono agli inquinatori di autocertificarsi e guadagnare dalle bonifiche, mentre la nuova legge sui reati ambientali in discussione al Parlamento prepara un colpo di spugna su tutti i disastri passati e futuri. I tribunali assolveranno gli industriali responsabili della morte di centinaia di operai e cittadini o ne prescriveranno i reati, come nelle recenti sentenze per i processi sulla Marlane Marzotto e l’Eternit.

Lo SbloccaItalia è quindi solo lo strumento più recente ed onnicomprensivo, ma non certo il primo né l’ultimo, di quelle politiche di sfruttamento, speculazione e devastazione ambientale contro le quali lottano da tempo le comunità locali ed i movimenti. Le mobilitazioni contro lo SbloccaItalia costituiscono un ramo di questo conflitto, inserendosi nella traccia della resistenza al Tav, al Mose, all’Expo2015, al Muos, alle servitù militari, al nucleare; delle lotte per il diritto all’abitare, contro la privatizzazione dell’acqua e dei servizi pubblici. Lotte che, insieme a quelle per il lavoro, il salario, i diritti sociali di nativi e immigrati, costituiscono il perno dell’opposizione sociale alle politiche di sfruttamento e di militarizzazione nel nostro paese. Non a caso le manifestazioni contro lo SbloccaItalia si sono naturalmente unite in piazza a quelle dello sciopero sociale e contro il Job Act, intrecciandosi con il movimento degli studenti. Esistono quindi alcune condizioni affinchè l’attacco generale del Governo possa essere ribaltato in un’altrettanto generale risposta dei territori, riconnettendo non solo concettualmente le lotte esistenti su obiettivi e pratiche condivise.

Su questa linea di ragionamento si è sviluppato un confronto tra le realtà di base centromeridionali attivatesi contro lo SbloccaItalia, in particolare nelle assemblee svoltesi il 7 dicembre a Napoli ed il 18 gennaio a Montesano, per capire come consolidare ed allargare il fronte di lotta, a partire da un’analisi realistica della situazione. Se più di un territorio ha espresso mobilitazioni fortemente significative per qualità e quantità della partecipazione, il contesto generale non appare tale da potersi parlare di un vero e proprio movimento di massa, sufficientemente esteso sul territorio nazionale. E’ quindi necessario un lavoro organizzato di comunicazione ed informazione affinché i focolai di conflitto esistenti possano collegarsi ed estendersi a tutto il paese, ma anche una riflessione sui caratteri che questa risposta di movimento può avere in termini di piattaforma, organizzazione ed iniziative.

La prima e convulsa aggregazione delle diverse realtà locali nell’opposizione al decreto, oramai convertito in legge, deve porsi l’obiettivo di contestare in modo più stabile ed organico le politiche governative e gli interessi economici che sottostanno all’articolato dello SbloccaItalia. Un movimento che sia la mera somma delle singole vertenze locali e settoriali, in mutuo appoggio per evitare l’isolamento politico e mediatico, può forse bloccare o rallentare una singola operazione di devastazione ambientale ma non il processo complessivo. Contestare “le” trivellazioni petrolifere, “gli” inceneritori, “le” centrali elettriche o “le” nuove vie del gas significa contestare le politiche energetiche nazionali, così come opporsi alle grandi infrastrutture di trasporto come il Tav o l’autostrada Orte-Mestre vuol dire mettere in discussione le politiche di mobilità del paese. Se non ci si pone a questo livello dello scontro, almeno come prospettiva, si rischia di essere spazzati via dall’aggressività di un capitalismo incarognito e sempre meno disposto a concedere sconti; mentre un’efficace opposizione sociale di questo tipo può davvero aprire la strada ad un cambio di rotta rispetto alle attuali politiche economiche e sociali verso l’affermazione prioritaria dei bisogni e la conquista dei diritti. La generalizzazione delle lotte è inoltre la risposta politicamente più forte all’ondata repressiva che sta montando nel paese contro tutte le resistenze, di cui la ignobile sentenza di condanna ai militanti del movimento NoTav della Val di Susa, a cui va tutta la nostra complice solidarietà, è l’ultimo e più clamoroso esempio.
Non è un obiettivo facile da raggiungere ma proprio per questo occorre capire con urgenza i soggetti, i tempi ed i modi opportuni a perseguirlo. Dall’assemblea di Montesano è emersa la necessità di costruire un percorso condiviso che unisca e superi le vertenze incluse nello SbloccaItalia, aprendo un confronto politico con quei soggetti sociali organizzati, collettivi, comitati e reti nazionali, che lottano contro la devastazione ambientale e per la difesa dei beni pubblici, per un modello di sviluppo fondato sul soddisfacimento dei bisogni umani anziché sullo sfruttamento dell’uomo e dell’ambiente per l’accumulazione di profitti del capitale.

 

Proponiamo quindi a queste realtà, a partire dai movimenti No Tav, No Muos, No Expo, No Mose, alla rete Abitare nella crisi, al movimento per l’Acqua pubblica, di confrontarci a partire da questa bozza di appello per costruire insieme un’assemblea nazionale entro l’inizio di marzo, dove discutere le questioni qui accennate e verificare l’organizzazione di una grande manifestazione nazionale da svolgersi tra aprile e maggio.

Assemblea delle realtà di base centromeridionali contro lo SbloccaItalia

Montesano Scalo (SA), 18 gennaio 2015

stopsbloccaitalia@gmail.com

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli, Manifestazioni, Orizzonti Meridiani