Fermiamo l’ennesima svendita di Bagnoli: giovedì 24 luglio, assemblea pubblica @ Lido Pola Liberato

Fermiamo l'ennesima svendita di Bagnoli: giovedì 24 luglio, assemblea pubblica @ Lido Pola Liberato

FERMIAMO L’ENNESIMA SVENDITA DI BAGNOLI

Blocchiamo la spartizione privata delle risorse pubbliche di Bagnoli e organizziamo la riappropriazione comune della spiaggia, di spazi urbani e strutture di pubblica utilità, del diritto alla salute!

GIOVEDÌ 24 LUGLIO 2014 ORE 18.00
LIDO POLA LIBERATO – VIA NISIDA, 24
ASSEMBLEA PUBBLICA

Matteo Renzi ha reso nota la sua presenza il 14 agosto a Napoli, alla firma dell’ accordo di programma per la ricostruzione di Città della Scienza.

Un accordo che secondo il premier (presentatosi come il salvatore della patria rispetto all’“affaire Bagnoli”) e il sindaco De Magistris dovrebbe registrare una grande svolta risolutiva nel pantano della riqualificazione bagnolese. Il documento dovrebbe contenere le misure necessarie ad effettuare la fondamentale opera di bonifica non ancora compiuta, che espone a enormi rischi la salute delle migliaia di abitanti di un territorio desertificato e abbandonato alle operazioni speculative locali (che interessano le attività sul litorale) e grandi sperperi di fondi pubblici (che interessano i carrozzoni come la Fondazione Idis, Bagnoli Futura etc.).
Le premesse di questo accordo vanno in una direzione molto chiara, distruggendo ogni garanzia su questioni di prim’ordine che cittadini e movimenti hanno sostenuto e avanzato negli anni:

– si annuncia la modifica del piano regolatore e dei piani urbanistici senza tenere conto dei vincoli naturali e paesaggistici, costruendo le premesse per l’aggressione dei privati e la speculazione sul litorale, guardando a un modello economico che già altrove si è dimostrato disastroso.
– non c’è alcuna garanzia su risorse, modalità e tempi di una bonifica integrale dei suoli, fondali e sulla rimozione della colmata a mare;
– si riaffaccia l’idea della ricostruzione in loco di Città della Scienza compromettendo quindi la realizzazione della spiaggia pubblica (richiesta da 14.000 cittadini firmatari della proposta di delibera popolare “Una spiaggia per tutti”);

Assistiamo nel contempo alla riorganizzazione di un blocco politico-sociale ampio che vede protagonista il PD, la sua ala sinistra, fino ai partiti di centro-destra e un nugolo di interessi privati; passando dai piccoli imprenditori della zona, ai grandi costruttori come Caltagirone e alla grande finanza del gruppo Fintecna. L’amministrazione comunale oggi è completamente subalterna a questo processo e, sebbene provi a recitare la parte, non rappresenta più un interlocutore capace di fare da garante degli interessi dei cittadini.

La trasformazione di Bagnoli è dunque nuovamente a un punto di svolta. Le vicende controverse e a volte oscure, che si sono susseguite negli ultimi anni fanno emergere nuovamente gli interessi di speculatori e palazzinari, la fitta trama tesa fra poteri e piccoli interessi di bottega che tengono in scacco la riqualificazione dell’area da oltre vent’anni.
Numerose sono state le iniziative di denuncia e di proposta dei movimenti, delle associazioni, dei comitati e cittadini che si battono per un altro modello di sviluppo territoriale che sappia coniugare partecipazione democratica, diritto alla salute, tutela del territorio, solidarietà, diritti sociali, equità. La battaglia per la spiaggia pubblica ne è un esempio.

La controversia giudiziaria attorno al sequestro dei suoli mostra un pericolo chiaro: i creditori di Bagnoli Futura sono pronti a fare “asso piglia-tutto” delle risorse e delle strutture della società, manufatti costruiti con soldi pubblici e risorse collettive. Un’operazione di sciacallaggio che rappresenta uno schiaffo a una comunità territoriale già depredata nei suoi diritti e nelle sue risorse comuni. Simbolo dell’ambiguità di questo provvedimento è il destino cui è andata incontro la struttura di Bancarotta: l’unico spazio riconquistato e riaperto alla cittadinanza che rischia di essere definitivamente sottratto alla comunità.

Come Bancarotta 2.0 vogliamo interrogarci insieme ai cittadini, ai comitati, movimenti e associazioni, alle realtà che si battono per un altro modello di sviluppo a Bagnoli e altrove, su come ampliare un processo di partecipazione pubblica. Caratterizzato da iniziative di denuncia e di lotta ma anche di proposte alternative, capace di opporsi al saccheggio che costruttori privati e pezzi del mondo politico stanno portando avanti sulla riqualificazione di Bagnoli. Vogliamo dare seguito a una discussione collettiva che non si è mai fermata su come articolare un cambiamento a partire dalla partecipazione dal basso sul futuro dell’area.

Invitiamo perciò tutti ad un’assemblea pubblica. In particolare ci interessa discutere di due questioni che riteniamo centrali in questo momento, e su cui riteniamo informare, organizzare e costruire azioni concrete di opposizione e di proposta politica alternativa e autonoma dagli interessi, sia economici sia elettorali, di grandi e piccole botteghe della politica e dell’imprenditoria locale e nazionale.

1- Bloccare ogni tentativo di svendita, operazioni speculative e cessioni di natura emergenziale di suoli, risorse e strutture di proprietà della Bagnolifutura Spa in fallimento, ed operare invece un risarcimento sociale attraverso tali strutture che preveda la partecipazione e il controllo democratico.

2- Contrastare la firma dell’accordo di programma per la ricostruzione di Città della Scienza sulla spiaggia, che non contiene alcuna garanzia rispetto al contesto più generale della bonifica e delle sue modalità, dei piani di sviluppo urbanistico dell’area, della collocazione dell’area museale al di fuori dei suoli destinati alla spiaggia pubblica.

Fermiamo Renzi! Togliamo Bagnoli dalle mani della speculazione!
Vogliamo la spiaggia pubblica: ricostruiamo altrove Città della Scienza!
Chi ha inquinato deve pagare: istituiamo un controllo democratico su procedure amministrative e tecniche per la bonifica!
Gli unici creditori di BagnoliFutura Spa sono i cittadini di Bagnoli e di Napoli: fermiamo il trasferimento dei beni e pretendiamo il risarcimento sociale attraverso la riappropriazione comune e democratica delle proprietà di BagnoliFutura Spa e delle loro destinazioni d’uso!

GIOVEDÌ 24 LUGLIO 2014
ORE 18.00
LIDO POLA LIBERATO – VIA NISIDA, 24
ASSEMBLEA PUBBLICA

FB: Bancarotta

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli, Bancarotta, Bonifica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...