Archivi tag: sindacati

Primo maggio a Bagnoli. Aldolà Chivalà censurato perché ha dato voce alla disperazione

da Espressonline.net
http://www.epressonline.net/notizie/ultime-notizie-napoli/4520-primo-maggio-a-bagnoli-aldola-chivala-censurato-perche-ha-dato-voce-alla-disperazione.html

Pubblichiamo di seguito la testimonianza di uno dei musicisti partecipanti al concerto del Primo Maggio scorso a Città della Scienza. Massimiliano Giliberti ha accompagnato gli Aldolà Chivalà e racconta quanto avvenuto alle 17:30 quando, durante la loro performance, hanno offerto il microfono all’operaio della Fiat di Pomigliano in cassaintegrazione che era riuscito a raggiungere il palco per raccontare la propria storia.

aldola chivala censura cds

Ho accompagnato la band Aldolà Chivalà a Bagnoli per il concerto del primo maggio a Città della Scienza. Sono le 17:30 si respira aria di festa, ci viene detto che abbiamo a disposizione 10 minuti, saliamo sul palco parte il primo pezzo, tutto bene. Secondo pezzo, dalla prima fila c’è qualcuno che si sbraccia chiede la parola, Aldo (il vocalist della band) non è esattamente un attivista politico, è un performer, spesso nei suoi live interagisce col pubblico.

In pochi secondi decide di scendere e cedere il microfono a chi chiedeva istanza. Mentre la base musicale continua a scorrere la persona (un cassaintegrato la cui cassa integrazioe tra 2 mesi andrà in deroga) inizia a spiegare quasi “rappando” la sua disperazione e i suoi problemi nel microfono. Sul palco (dove mi trovo io lato mixer) scoppia il putiferio, direttore di palco, presentatirce e dirigenti chiedono, paonazzi in viso, l’immediata sospensione della performance. Passano pochi secondi ed i nostri canali vengono chiusi, mutati. Fine della storia.

Il disperato viene allontanato dai gorilla dei sindacati viene portato fuori dall’area e cacciato (in un festival ad ingresso libero!) Ci cacciano dal palco, una volta arrivati nel backstage veniamo redarguiti verbalmente dalle dirigenze dei sindacati con frasi del tipo: “non vi dovevate permettere, se siete quì a suonare è grazie ai sindacati, siete d’accordo coi centri sociali, era tutto preparato.” Verrò a sapere poi che è stato detto (minacciando perchè è impossibile) all’agenzia che ha portato la band nel contest che non verrà pagata l’esibizione. Dopo un’ora arrivano i manifestanti e tutto il resto è storia. E’ solo una cronaca amici, a voi le considerazioni.

Massimiliano Giliberti, musicista

Annunci

1 Commento

Archiviato in Bagnoli, Bancarotta, Concerti, Eventi, Manifestazioni

Primo Maggio a Bagnoli, la messa è finita: chi ha inquinato deve pagare! | Precarietà, devastazione ambientale, ingiustizia: la realtà che i sindacati non volevano vedere.

Primo Maggio a Bagnoli, la messa è finita: chi ha inquinato deve pagare!
Precarietà, devastazione ambientale, ingiustizia: la realtà che i sindacati non volevano vedere.

Un Primo Maggio difficile da mandare giù per i sindacati confederali che, ancora una volta, preferiscono far finta di non vedere ciò che la crisi e il teatrino della politica rendono invece sempre più evidente.
Sindacati che alla fine hanno preferito interrompere, dopo minuti di tensione, il concerto della manifestazione ufficiale del Primo Maggio, che si svolgeva a Città della Scienza, piuttosto che dare la parola, come richiesto, a un centinaio di manifestanti, arrivati a Città della Scienza a gruppetti dopo un corteo di centinaia di persone a Bagnoli, dopo che i blindati della polizia avevano impedito il transito su via Coroglio.
Non sono mancate le aggressioni da parte del servizio d’ordine del sindacato, che hanno trovato dall’altra parte la determinazione a voler prendere la parola, esercitando un diritto al dissenso che organizzazioni che si dicono democratiche dovrebbero conoscere bene e rispettare.primo maggio 8 buona
Questa la risposta a chi provava a prendere parola ad una messa in scena che sembrava essere quasi un sfottò per i giovani e i precari della città. Un concerto per la festa del lavoro, lavoro che come il futuro dei giovani e i precari è inesistente. Ma oggi i sindacati confederali piuttosto che preoccuparsi dei veri problemi che affliggono Bagnoli, hanno ben pensato di speculare sulla tragedia dell’incendio di Città della Scienza e sulle sue conseguenze, che ricadono ancora una volta sui lavoratori e sui cittadini.
Forse perchè gli interrogativi che negli ultimi giorni hanno attraversato le mobilitazioni seguite al sequestro di Bancarotta e dell’ex area Italsider, e la “settimana della rabbia di Bagnoli”, non interessano gli organizzatori del concerto – CGIL CISL e UIL – che infatti oggi chiedono a gran voce la ricostruzione di Città della Scienza, in modo autistico e incondizionato, ignorando tutto ciò che interessa l’area circostante, e allo stesso tempo glissando, in maniera preoccupante, di fronte alla legittima pretesa di conoscere gli autori dell’incendio, i loro mandanti, e il movente che li ha spinti.

Si badi bene: oggi, come nelle settimane precedenti, nessuno tra i centri sociali e i comitati territoriali ha mai messo in discussione la ricostruzione di Città della Scienza: tutt’altro, il messaggio è: vogliamo città della scienza, ma anche la bonifica, la spiaggia pubblica, gli spazi sociali, un’idea differente di sviluppo di quell’area che allontani per sempre la speculazione, la morte, la precarietà, la disoccupazione e l’emigrazione forzata che da 30 anni affliggono Napoli ed in particolare Bagnoli. primo maggio 10 buonaE forse proprio qui si spiegano le rigidità dei sindacati confederali che in questo mese non hanno mai accettato la richiesta di ricostruire città della Scienza sulla sponda opposta di Via Coroglio, restituendo al sogno (previsto anche dal piano urbanistico..) di una vera bonifica e della prima spiaggia pubblica della città!
Una rigidità, ammantata dalla solita retorica ricattatoria sulla salvaguardia dei posti di lavoro (salvo dimenticarsi che a Città della Scienza non si pagano stipendi da mesi e mesi prima dell’incendio) che oggi si è espressa fino alle estreme conseguenze: alla richiesta di un intervento sul palco, la risposte sono state spintoni ed insulti, fino a far esplodere la rabbia di chi in questa città non vede più alcuna prospettiva e non si sente rappresentato da nessuno.

Una noncuranza e un’assenza di disponibilità all’ascolto tanto più preoccupante se si pensa agli interessi speculativi che da decenni investono la zona, e che si sono già ampiamente concretizzati, dopo la chiusura della fabbrica, nella “rapina” privatistica del litorale, e nel disastro ambientale fotografato dall’ultima inchiesta della magistratura con centinaia di tonnellate di rifiuti seppelliti lì dove dovevano sorgere il Parco Verde e il Parco dello Sport.
Interessi e processi di cui Bagnoli e Napoli tutta continuano a pagare il prezzo, innanzitutto in termini di salute pubblica, con tassi di incidenza tumorale altissimi; con un piano urbanistico totalmente stralciato, e con il dramma sociale della disoccupazione e dell’assenza di un progetto di sviluppo che tenga conto dei bisogni e desideri collettivi delle comunità.
Interessi privati e oscuri, contro i quali negli ultimi due anni si sono intensificate campagne di partecipazione e sensibilizzazione, che hanno portato anche oggi interessanti risultati, che sono un esempio virtuoso per la città: come la delibera comunale che prevede la realizzazione della spiaggia pubblica sul litorale Coroglio-Pozzuoli o il progetto comunitario di riqualificazione della collina di San Laise, adiacente alla base NATO attualmente in dismissione.primo maggio 5
Oggi la vicenda di Città della Scienza e della sua ricostruzione ci dice che quella realtà oscilla tra un’esperienza potenzialmente positiva per un piano di rilancio basato sulle istanze e sui bisogni sociali sul piano dell’innovazione e dello sviluppo, e un’ambigua compatibilità invece col mantenimento dello status quo del mancato sviluppo dell’area, delle speculazioni e degli abusi, fungendo da “oasi” e immacolata concezione della gestione privatistica e clientelare che ha caratterizzato la politica del centro-sinistra Bassoliniano sulla vicenda di Bagnoli dagli anni ’90. Ambiguità che in primis i lavoratori dovrebbero preoccuparsi di sciogliere se non vogliono essere ritenuti complici del disastro che attorno a loro, geograficamente e socialmente, si è prodotto.

Che la voce di chi subisce quotidianamente il dramma dello sfruttamento, della precarietà, della disoccupazione, gli effetti della malapolitica – devastazione ambientale, corruzione, assenza di prospettive – dava fastidio alle rituali celebrazioni del Primo Maggio lo si era capito già dal primo pomeriggio, con un quartiere totalmente militarizzato.
Una blindatura assolutamente fuori luogo a fronte di una manifestazione pacifica che nasceva con l’intento primario di comunicare col quartiere e di far prendere parola i soggetti che realmente subiscono la crisi.
Oltre 500 persone hanno attraversato in corteo le strade di Bagnoli: studenti, precari, lavoratori in cassa integrazione, disoccupati, attivisti dei comitati cittadini e degli spazi sociali, cittadini del quartiere e da tutta la città. 
Una manifestazione fin dall’inizio fuori dal coro rituale e un po’ sbiadito dei festeggiamenti del Primo Maggio, non a caso a Bagnoli, luogo simbolo delle contraddizioni che attraversano il paese, territorio da decenni vittima del disastro politico, ambientale e sociale.
“Bonifichiamo Bagnoli – Chi ha inquinato deve pagare” così recitava infatti lo striscione di apertura: uno slogan, ma anche un principio, sul quale si sta costituendo da due settimane un Comitato cittadino di lotta per la bonifica, con l’obbiettivo di costituirsi come parte civile nel processo (come ha fatto il Comune di Napoli ma dalla parte dei cittadini), di mandare a casa i responsabili del disastro di Bagnoli, costringendoli a risarcire il quartiere, di riappropriarsi degli spazi sociali e dei processi democratici, di istituire un centro di monitoraggio sanitario che faccia luce sul rapporto tra inquinamento e incidenza tumorale, un osservatorio popolare di vigilanza democratica sulla bonifica.
Bonifica che Bagnoli aspetta da vent’anni, e che non è mai stata compiuta nonostante i fiumi di denaro pubblico che la Bagnoli Futura – società di trasformazione urbana a partecipazione pubblica – ha gestito drenandoli verso ben altri canali: basta vedere gli stipendi dei suoi dirigenti e consulenti.

Le bugie, i veleni, e le reazioni di coloro che oggi rifiutano di ascoltare chi lotta e partecipa, e prova a immaginare e costruire dal basso una città diversa dallo schifo che vediamo, sono un argine ben più pesante delle transenne divelte oggi davanti al palco di Città della Scienza.
Consapevoli o inconsapevoli essi sono complici del disastro a Bagnoli, come sono, volenti o nolenti, corresponsabili del dramma della precarietà, dei licenziamenti, della disoccupazione, della disperazione sociale, e del nuovo autoritarismo lavorativo, che nella crisi sotto la spinta dei governi dell’austerity si sono abbattuti sulle spalle dei più poveri. Que se vayan todos!
Loro possono auto-blindarsi se lo vogliono, ma la dignità e la lotta di chi prova a trasformare il presente e a riprendersi il futuro non può essere rinchiusa dentro alcun recinto o rituale!

VIDEO  riassunto video su FanPage che racconta la verità sulle contestazioni ai sindacati a Città della Scienza CLICCA QUI

VIDEO  prima degli scontri, il corteo del Primo Maggio delle realtà autorganizzate a Bagnoli in un video sul Corriere del Mezzogiorno  CLICCA QUI

GIOVEDì 2 MAGGIO, ALLE 11.00, ALLA ZONA PEDONALE DI VIALE CAMPI FLEGREI (adiac. staz. Cumana Bagnoli): CONFERENZA STAMPA DEL PRIMO MAGGIO DI BAGNOLI

3 commenti

Archiviato in Bagnoli, Bancarotta, Manifestazioni, Reddito, Welfare