Archivi categoria: #NoSgomberi

Strappiamo il Lido Pola alla speculazione e restituiamolo alla città! Il voto in consiglio comunale…

In questo periodo verrà discussa in consiglio comunale la delibera per l’acquisizione dell’ex Lido Pola – uno stabile di proprietà demaniale abbandonato da oltre 10 anni, e ridotto per molto tempo ad una discarica abusiva, costruito sulla Spiaggia di coroglio negli anni ’50 e divenuto col tempo un punto di riferimento per la socialità del territorio e della città – e di un pacchetto di altri beni del patrimonio pubblico demaniale. Un passaggio fondamentale per bloccare i processi di svendita e speculazione su tali beni, sottrarli all’abbandono e agli abusi, ma un passaggio ancora insufficiente se non viene interpretato come la condizione per restituire effettivamente questi beni alla città, attivando processi di riprogettazione partecipata dell’uso di questi spazi che rispondano ai bisogni sociali che dai territori e dai conflitti sociali si esprimono e si sviluppano.DSC_0245
Da più di un anno il Lido Pola é oggetto di una bonifica, sociale ed ambientale, ad opera della comunità di bancarotta e degli abitanti del territorio che si oppongono alle politiche di svendita, privatizzazione e cementificazione del patrimonio pubblico e naturale dell’ area occidentale della città di Napoli.
Una bonifica “dal basso” cominciata con l’occupazione e proseguita con l’autogestione e l’autorecupero dello spazio. Un’operazione che ha incontrato non pochi ostacoli e difficoltà, e anche qualche nemico: come gli ex concessionari privati, che dopo anni di abbandono, poche ore dopo l’occupazione dello stabile, si sono ricordati di quel luogo tanto meraviglioso quanto distrutto, per rivendicarne i diritti in nome della sua messa a reddito, per conto di un contenzioso giudiziario con l’Agenzia del Demanio.
Noi come collettivo di Bancarotta 2.0 abbiamo protestato sia nei confronti del Demanio, che chiamando in causa il Comune di Napoli, affinchè si impedisse che dopo anni di abbandono e degrado – mal sopportato anche dagli abitanti del quartiere di Coroglio – la struttura finisse di nuovo nelle mani dei privati, aggiungendo un altro tassello alla privatizzazione e alla messa a profitto del litorale Coroglio-Bagnoli: uno scempio di commercializzazione selvaggia che gli abitanti hanno dovuto subire in questi anni, accanto alla mancata bonifica e al disastro delle politiche di riqualificazione dell’area post-industriale.
Abbiamo subito per questo prima minacce e intimidazioni, poi anche le denunce. E ancora oggi serpeggia, anche in ambito istituzionale, nel consiglio comunale, la volontà di bloccare questo processo sbandierando una presunta legalità vuota e arrogante, ma di fatto coprendo gli interessi della speculazione privata e dei veri “abusivi” di questa città! Lo sappiamo e non ci spaventa, anzi ci dà ancora più coraggio e determinazione nel proseguire il percorso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La struttura del Lido Pola, rimasta per anni fatiscente e abbandonata, oggi rivive con decine di attività – concerti, proiezioni, assemblee, laboratori, corsi, reading, spettacoli teatrali, mostre, dibattiti, cineforum – completamente autogestite, grazie alla fatica e alla determinazione di una comunità che lo anima.
Attraverso lenti ma inesorabili interventi di manutenzione questa stessa comunità procede da un anno e mezzo all’autorecupero della struttura, per restituirla pezzo dopo pezzo all’uso comunitario.

Riteniamo, oggi come all’indomani dell’occupazione, un passaggio fondamentale l’acquisizione dell’ex Lido Pola nel patrimonio pubblico da parte del Comune di Napoli per sottrarlo alla speculazione in atto e dare una risposta agli abitanti del quartiere che dia la possibilità di immaginare e praticare uno sviluppo alternativo e sostenibile delle risorse del territorio, a partire dalla bonifica dei suoli e del mare , la realizzazione della spiaggia pubblica come richiesto dal referendum cittadino promosso dal comitato una spiaggia per tutti , del grande parco urbano. Un passaggio – lo ripetiamo – fondamentale ma non sufficiente.
Per noi questa è la condizione per avviare – assieme alla comunità di Bancarotta 2.0 e del Lido Pola, agli abitanti del borgo di Coroglio, dei quartieri di Bagnoli, Fuorigrotta e Cavalleggeri, e al tessuto associativo culturale e di movimento sul territorio – una effettiva riprogettazione partecipata dello spazio e del suo uso comune, a partire dai bisogni sociali e dalle lotte che questo territorio esprime.

L’acquisizione del Lido Pola e degli altri beni demaniali rappresenterebbe quindi un primo importante risultato non solo per la nostra comunità, ma per quanti condividono un’idea di città fuori dalle logiche del profitto e della rendita, della speculazione, della cementificazione, e che vogliono contrastare il degrado, la povertà, l’emarginazione e la distruzione del welfare, con la lotta e la conquista di spazi sociali. Un processo di crescita che si nutre dei conflitti, che stanno fuori dal perimetro istituzionale, e che senza necessariamente pontificare di beni comuni e partecipazione, sperimenta qui ed ora la riappropriazione sociale di spazi e tempi di vita.

Vogliamo dunque porre l’attenzione e vigilare sull’acquisizione nel patrimonio comunale del Lido Pola e delle altre strutture e, insieme, mobilitarci per attivare percorsi di partecipazione e di lotta per restituirli alla città, attraverso modelli di riprogettazione partecipata e attraverso tutte le sperimentazioni creative e organizzate che le lotte saranno in grado di produrre in città.

Bancarotta 2.0 – Lido Pola liberato

FB (pagina): Bancarotta

FB (pagina): Bancarotta Bagnoli

TWITTER: Bancarotta Bagnoli (@banca_rotta)

EMAIL: bancarotta.bagnoli@gmail.com

Lascia un commento

Archiviato in #NoSgomberi, Bagnoli, Bancarotta, Prese di posizione

19 OTTOBRE – COMINCIA L’AUTUNNO: CHE LE FOGLIE MORTE CADANO

1069135_685029261510034_113993621_n Contro tutte le aspettative catastrofiche di giornalisti affabulatori e sinistri professionisti della politica, a Roma ieri è stata una grande giornata di mobilitazione.

Oltre 70.000 persone in piazza, tra movimenti di lotta per la casa, No Tav, No Muos, movimenti ambientalisti, studenti, precari, lavoratori e cassintegrati in lotta per il reddito e i diritti sociali: un corteo nutrito, rabbioso e intelligente, che ha resistito alle provocazioni di qualche mentecatto di Casapound e delle forze dell’ordine, senza lasciarsi spezzare mai, puntando dritto all’assedio ai palazzi del potere (Ministeri dell’Economia, del Lavoro, delle Infrastrutture) e all’acampada finale, tutt’ora in corso a Porta Pia. 

Nonostante la demonizzazione messa in atto da parte dei media, per disincentivare la partecipazione alla manifestazione prima e screditare la tenuta in piazza poi, la maturità e l’unità dimostrate nell’arco dell’intera giornata – e oltre – sono dei chiari segnali di un’esigenza sempre più forte e condivisa, quella di una sollevazione generale che abbatta le politiche di Austerity attraverso pratiche di riappropriazione che ci si auspica si moltiplichino incontenibilmente in ogni città e regione. Un pezzo sempre più consistente di questo paese è in movimento per cambiare lo stato di cose attuale, per resistere alla crisi e alla devastazione che il capitalismo impone ai nostri territori e alle nostre vite: l’assedio e l’acampada non sono che il punto di partenza di un incontenibile processo

sociale di partecipazione che va generalizzandosi e allargandosi a macchia d’olio. 

Dalla prima assemblea di stamattina si è ottenuto l’incoraggiante risultato di un tavolo con il Ministro per le Infrastrutture: un incontro incentrato sull’emergenza abitativa, che si terrà martedì con la partecipazione di altri sindaci di svariate grandi città.

Insomma, quest’autunno inaugura degnamente la caduta delle foglie morte.

E non è che l’inizio!

RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA VITA!!! 

Nel frattempo, sembrerebbero ben 14 le persone attualmente in stato di fermo: domattina a Piazzale Clodio ci sarà il processo per direttissima agli arrestati a seguito degli scontri di ieri. Ma in questi casi non ci sono né buoni né cattivi:

CELESTE E SARA LIBERE SUBITO!!! 

TUTTI LIBERI, TUTTI LIBERE!!!

#tuttiliberi #19O #tuttiliberi #cominciadesso

Riportiamo di seguito l’appello lanciato in rete dagli attivisti che sono ancora a Porta Pia:

L’acampada di Porta Pia ha bisogno anche del tuo aiuto!

YES WE CAMP! E ABBIAMO BISOGNO ANCHE DI TE!

Vieni in Porta Pia e pianta la tua tenda insieme a noi!

PER FAR FUNZIONARE L’ACAMPADA ABBIAMO BISOGNO DI:

– Tende, sacchi a pelo, cuscini e coperte: tutto quello che può servire ad affrontare la notte.
– Ciabatte, prolunghe e riduzioni elettriche perché l’acampada ha bisogno di essere alimentata a dovere!
– Chiavette internet, pc, smartphone, macchine fotografiche e videocamere, ma sopratutto persone che abbiano voglia di raccontare insieme a noi questa piazza!
– Tavoli e sedie… in in piazza siamo tanti, non solo giovani e precari ma anche famiglie!
– Viveri e beni di prima necessità di qualsiasi tipo e quantità: in piazza è già stata allestita una cucina solidale, vieni a darci una mano!
– Stoffa e bombolette, cartelloni e pennarelli, tutto quello che può aiutarci a raccontare a tutt* le nostre lotte!
– Sopratutto abbiamo bisogno di te e della tua partecipazione, perché uniti si può pretendere la luna.

AIUTACI A FAR GIRARE!
Seguici su #19O

1382108_323328104474209_390704776_n

Lascia un commento

Archiviato in #Blockupy Europe, #Magnammeceopesone, #NoSgomberi, Bancarotta, Manifestazioni, Orizzonti Meridiani, Reddito, Solidarietà, Welfare

Nuove minacce, niente dialogo: ancora intimidazioni presso l’ex Lido Pola, avallate dal disinteresse delle istituzioni!

Stamattina il galoppino degli ex concessionari del Lido Pola, che dal primo giorno infastidisce il nostro lavoro di riqualificazione sociale con minacce, visite indesiderate e – non ultime – le soffiate alle autorità, si è presentato nuovamente con le forze dell’ordine e dei tecnici per fare dei rilievi alla struttura da consegnare all’ufficio del Demanio.

Avevamo già chiesto di posticipare qualsiasi intervento sulla struttura del Lido Pola alla risoluzione di un tavolo con le parti interessate (Demanio e Comune di Napoli) per salvaguardare una destinazione d’uso pubblica libera da mire speculative che in vent’anni avevano già ridotto una struttura pubblica, e quindi un bene della collettività, a un rudere, una discarica a cielo aperto e un luogo d’abusi d’ogni genere.

Non capiamo con quale logica e legittimità il Demanio possa autorizzare abusi di questo tipo da parte degli ex concessionari, corresponsabili dell’abbandono della struttura e al tempo stesso criminalizzare, attraverso le denunce, la nostra iniziativa di riqualificazione e bonifica sociale.

L’occupazione del Lido Pola rappresenta infatti un presidio di democrazia e un esempio di uso civico degli spazi su un litorale già vittima del saccheggio dei privati e della devastazione della mancata bonifica come testimoniano i sequestri, le indagini, ma soprattutto le condizioni di invivibilità che la gente di Bagnoli e di Coroglio conoscono bene, subendone da fin troppo tempo le conseguenze.

Chiamiamo in causa l’amministrazione comunale, il Sindaco, l’Assessore al Patrimonio e l’Assessore ai Beni Comuni, la cui disponibilità finora non si è mai tradotta in concretezza. Non è più possibile ignorare le esigenze e le problematiche di una realtà come la nostra, che subisce costantemente intimidazioni e provocazioni nonostante l’impegno e il lavoro profusi in una direzione e per una causa più che rispettabili: a queste puntuali minacce va necessariamente posta fine mediante un superamento politico che si realizzi a partire dal riconoscimento della legittimità della nostra azione e della nostra lotta, votate totalmente alla tutela e alla valorizzazione di un bene collettivo finalmente rifunzionalizzato e restituito a chi originariamente doveva fruirne, ai cittadini di Bagnoli e Coroglio, come di Napoli tutta.

Contro abbandono e speculazioni, Lido Pola resiste

Contro abbandono e speculazioni, Lido Pola resiste

Lascia un commento

Archiviato in #NoSgomberi, Bagnoli, Bancarotta, Solidarietà

Due denunce agli attivisti di Bancarotta 2.0 per l’occupazione dell’ex Lido Pola | 3 milioni di euro al baraccone di BagnoliFutura!!!

Contro abbandono e speculazioni, Lido Pola resiste

Contro abbandono e speculazioni, Lido Pola resiste

Notificate due denunce agli attivisti di Bancarotta 2.0 per l’occupazione dell’Ex Lido Pola: ancora criminalizzazioni e abusi di potere su chi lotta per la bonifica e gli spazi sociali!!!

3 milioni di € per salvare il baraccone di Bagnoli Futura, 2 denunce per criminalizzare Bancarotta 2.0 e i movimenti flegrei.

Colpirne due per mobilitarne cento.
Due denunce notificate agli attivisti del collettivo Bancarotta 2.0 per aver “occupato illeggittimamente” e “deturpato” l’ex Lido Pola, abbandonato al degrado da anni dal demanio, e attualmente recuperato attraverso l’autogestione. Nel frattempo 3 milioni di € vengono stanziati per salvare ancora una volta la Bagnoli Futura dal fallimento.Due pesi e due misure: laddove ci sono truffe, speculazioni e disastri ambientali arrivano i soldi pubblici, laddove si mette in pratica autogestione, bonifica sociale e democrazia dal basso arrivano le denunce e la repressione!!!

Invasione di edificio, al fine di occupazione senza titolo. Deturpazione ed imbrattamento di bene altrui. Entrambi in concorso. Con queste imputazioni, a carico di due nostri compagni, le istituzioni esprimono la propria valutazione sull’opera di recupero e riqualificazione che il collettivo Bancarotta 2.0 conduce da sei settimane per restituire a Bagnoli la struttura demaniale del Lido Pola. Per sottrarla al degrado in cui versa da un ventennio di abbandono da parte dello stato, al fine di riconvertirla in uno spazio sociale a servizio e a tutela della comunità.
Due reati contro il patrimonio, secondo il Commissariato della Polizia di Stato di Bagnoli, che tra l’incendio di Città della Scienza, gli abusi quotidiani sul litorale, i sequestri, le irregolarità e le manovre speculative e criminali di camorra e imprenditori del mattone, non trova niente di meglio da fare che portare avanti ridicole indagini su chi alla luce del sole lotta per resistere e trasformare i territori, per restituire dignità a chi li vive.
Quell’immenso patrimonio della gente flegrea, che da decenni è oggetto di devastazione e saccheggio, false promesse ed abbandono, truffe, abusi, mistificazioni, ora diventa materiale per operazioni repressive. Una speculazione omicida, senza soluzione di continuità, che ha fatto di questa terra un’immensa scena del crimine, e un teatro di paradossi e mondi alla rovescia. Un paradosso, la criminalizzazione del collettivo, con accuse insussistenti, avvenuta proprio su istanza dell’Agenzia del Demanio, che ha sporto denuncia: l’ente che per circa un ventennio ha lasciato questo edificio, ed il suo potenziale, nella totale incuria, alla mercè del degrado e della malvivenza, discarica a cielo aperto, manifestando come unico cenno di interesse una fallita ed irregolare concessione privata, si rifà vivo per denunciare la comunità che sta provando a restituire una funzionalità sociale e un decoro alla struttura. Ci chiediamo: con quale legittimità il Demanio può abbandonare un bene pubblico (quindi di tutti) al degrado per vent’anni e poi denunciare chi lo sta pulendo, recuperando e restituendo all’uso civico senza specularci su come vorrebbero fare i privati?

Una aggressione politica, queste denunce, la cui assurdità è esasperata dalla concomitante erogazione di 3 milioni di euro per rifinanziare le casse della Bagnoli Futura, per l’ennesimo salvataggio di uno dei barconi clientelari più discussi tra le varie società partecipate della città, le cui attività sono sospese dal sequestro giudiziario che ha coinvolto l’area che dovrebbe rappresentare il futuro di Bagnoli, dallo scorso 11 aprile. Una beffa, considerando che Bancarotta 2.0 opera oggi in Lido Pola proprio per continuare il percorso di socialità e mobilitazione politica che tale sequestro ha ostacolato facendo chiudere Bancarotta, lo spazio sociale liberato il 2 giugno 2012 e situato proprio entro il perimetro dell’area sequestrata.
I reati di truffa, favoreggiamento, corruzione e disastro ambientale, lo ricordiamo, sono stati accertati dalle indagini a carico di oltre venti ex dirigenti di Bagnoli Futura ed altri enti locali, quelle stesse istituzioni che oggi ci aggrediscono perché proviamo ad opporci allo scempio esistente.

L’unico vero crimine che notifichiamo dal basso ogni giorno a un’intera classe politica, amministrativa ed imprenditoriale è una falsa bonifica, dopo decenni di sfruttamento, inquinamento e devastazione! Questi gli unici crimini, recidivi, di invasione e deturpazione del patrimonio della gente di Bagnoli, commessi col concorso di pubblico e privato, commessi ad unico vantaggio degli interessi antisociali di politica e classi dirigenti, di ieri come di oggi.
In tale contesto si delinea inequivocabilmente la logica d’una punizione esemplare, al subdolo fine di dissuadere il dissenso e fermare la mobilitazione della comunità, colpendo chi ne è promotore, corpo e anima.
L’assurdità di questo intento repressivo è pari a quella della sua illusorietà. La pratica abusiva degli strumenti poliziesco-giudiziari non ha mai fatto altro che rafforzare la volontà politica di chi lotta per la giustizia sociale.
In questo quadro politico si aggiunge, integrandosi perfettamente, l’atteggiamento apparentemente benevolo delle istituzioni verso gli spazi sociali, dichiarato puntualmente dal sindaco De Magistris e dal presidente della X Municipalità Giorgio de Francesco (quest’ultimo segnalatosi per la sua doppia faccia per le “segnalazioni” infamanti su Villa Medusa), e smentito ogni volta come mero esercizio di demagogia, compatibile con l’autoritarismo che caratterizza la gestione dei conflitti e della crisi in questa fase storica. Che cosa dicono il sindaco e l’amministrazione che si dicono “amici dei movimenti” di fronte a tutto questo? Perché fanno finta di non sentire chi li mette di fronte alle loro responsabilità?

Tanto maggiore è lo slancio del nostro impegno, quanto più accanito diviene l’inasprirsi di un visibile disegno repressivo dei movimenti sociali, specie nell’area flegrea, ad un tempo ulteriore conferma della rilevanza politica di quest’area, e prova dell’efficacia nostre pratiche di conquista della giustizia sociale negatale. Non esitiamo un istante, non arretriamo d’un passo: andremo avanti, con ancor più determinazione.

Vogliamo un tavolo permanente con il Comune di Napoli, l’Agenzia del Demanio e la comunità di Bancarotta 2.0 e delle realtà territoriali che si battono per la bonifica e gli spazi sociali, per definire assieme un percorso partecipato, per sottrarre il Lido Pola dalle mire speculative dei privati e restituirne l’utilizzo e la funzionalità sociale alla città di Napoli e al quartiere bagnolese!

Nel frattempo la risposta concreta di Bancarotta 2.0 a questo effimero tentativo di intimidazione è la seguente: Bancarotta 2.0 – Lido Pola Liberato.

Dopo un mese di lavori per la liberazione del Lido Pola dal degrado, necessari alla messa in sicurezza della struttura ed al ripristino della fruibilità dei suoi spazi, Bancarotta può restituire questo luogo alla comunità cui appartiene, facendone uno spazio sociale destinato alla gente di Bagnoli, per soddisfarne i bisogni e tutelarne i diritti, e continuare il percorso di mobilitazione della comunità flegrea.

Non saranno certo simili attacchi ai nostri compagni a fiaccare la volontà di giustizia che alimenta la nostra battaglia contro l’orrore che avvolge questa terra e ne soffoca le genti. Il futuro di Bagnoli non è una concessione, ma una conquista che abbiamo deciso di realizzare a qualunque costo.

9 luglio 2013
Bancarotta 2.0 – Ex Lido Pola liberato

Blog: bancarottabagnoli.wordpress.com
Email: bancarotta.bagnoli@gmail.com
FB: facebook.com/Bancarotta – Bancarotta Bagnoli
Manifesto: bancarotta.eu

Questo slideshow richiede JavaScript.

ALCUNE PROPOSTE:

Bancarotta intende realizzare un percorso collettivo e condiviso, fatto di corsi di discipline sportive, artistiche e ricreative; attività sociali, culturali e formative; laboratori formativi, ludici, artistici, per tutte le età; comitati per la bonifica, per la spiaggia pubblica, per l’assistenza alle vittime dell’inquinamento; vertenza per il registro tumori; promozione e organizzazione di venti culturali, rappresentazioni teatrali, concerti, e proiezioni; mobilitazione collettiva per l’autotutela, per la partecipazione attiva alla dimensione civica. Per la giustizia sociale che in questa terra manca da sempre.

Al fine della realizzazione di questo progetto, il collettivo Bancarotta chiede al Comune di Napoli, e all’Agenzia del Demanio, di intraprendere un percorso dialettico ma dialogico di risoluzione della controversia sulla gestione dello spazio del Lido Pola, affinchè venga definitivamente sottratto alle mire speculative dei privati e riconsegnato, e non concesso, al suo legittimo titolare, i cittadini.

1 Commento

Archiviato in #NoSgomberi, Bagnoli, Bancarotta, Solidarietà

Bonifichiamo Bagnoli, restituiamo l’Ex Lido Pola alla città! | Appello pubblico per la riqualificazione dal basso dell’Ex Lido Pola, per la bonifica sociale dell’area flegrea.

Bonifichiamo Bagnoli, restituiamo l’Ex Lido Pola alla città!
Appello pubblico per la riqualificazione dal basso dell’Ex Lido Pola, per la bonifica sociale dell’area flegrea.

banca 1PREMESSA: CONTRO LA DISMISSIONE DEL PATRIMONIO PUBBLICO
La dismissione del patrimonio pubblico, frutto delle politiche di austerità, sta consegnando una grande ricchezza collettiva alla speculazione privata, dai beni demaniali a quelli di proprietà dei comuni in tutto il paese. A Bagnoli, come in tanti altri territori aggrediti dalla cattiva gestione del pubblico e del privato, tale processo si somma alla desertificazione di intere aree: a partire dalla zona industriale Ex-Italsider ed Ex-Cementir e del litorale di Coroglio fino ad arrivare alle esperienze più recenti di N.A.T.O. , Zoo, Edenlandia, Mostra d’Oltremare. Un fenomeno che si propaga e condanna all’abbandono, al degrado, alla speculazione le aree che ne subiscono l’ effetto, per tutelare interessi economici e speculativi, a tutto danno dei cittadini che ne subiscono gli effetti: inquinamento ambientale, impatto sulla salute, assenza di servizi sociali, assenza di piani di sviluppo, di reddito, emergenze abitative, e sperpero di risorse pubbliche.

LA PROPOSTA: LIBERAZIONE E AUTORECUPERO DELL’EX LIDO POLA
E’ per questo motivo che la comunità di Bancarotta, l’unica a pagare i danni del sequestro giudiziario nei confronti di BagnoliFutura, abbandonando forzosamente l’ex Banca in via Coroglio, occupata, riqualificata e restituita alla città e all’uso sociale nell’ultimo anno, ha intrapreso la liberazione dell’ ex Lido-Pola, dopo un mese di mobilitazioni in città per risollevare un fronte comune per la bonifica, gli spazi sociali, la spiaggia pubblica e le tante battaglie aperte sull’utilizzo del territorio dai movimenti sociali.

L’ex Lido Pola, luogo storico per tanti napoletani, ambientazione di pellicole cinematografiche ed eventi di ogni tipo, era in stato di abbandono da circa vent’anni, discarica a cielo aperto e in completo disfacimento. Di proprietà del demanio statale, oggetto di un contenzioso con investitori privati, è un bene comune, come tanti, sottratto alla città. Inserito in una lista di beni “trasferibili” del demanio per poco e niente (830.000 €) e dunque oggetto, come il resto della zona, delle mire speculative della peggiore imprenditoria.
Per toglierlo dalla morsa della burocrazia del pubblico e della speculazione privata e restituirlo all’uso sociale, la sua liberazione rappresenta per Bancarotta 2.0 uno strumento legittimo e praticabile.
Tuttavia l’occupazione e i conseguenti lavori di autorecupero, messa in sicurezza, e di progettazione partecipata, che stanno coinvolgendo comitati, associazioni, del territorio e non solo, hanno risvegliato gli oscuri interessi sul luogo. Gli ex-concessionari e l’ufficio del demanio, dopo aver abbandonato a sé stesso un bene pubblico per vent’anni, vogliono sgomberare la comunità che lo sta rimettendo in sesto, preferendo così l’abbandono e la difesa di un uso privatistico di un bene pubblico, al tentativo di costituirne un uso sociale. Un altro schiaffo al territorio e al lavoro di chi ancora lotta per riscattarlo.

Tra le tante attività proposte, che la comunità di Bancarotta svolgeva nell’ex banca di via Coroglio, oltre a quelle musicali, culturali, sportive, aggregative, di partecipazione democratica, informazione, spicca l’esigenza di un osservatorio sulla bonifica e sulla realizzazione della spiaggia pubblica sul litorale di Coroglio.
Un progetto di bonifica sociale, per noi irrinunciabile, che sopperisce solo in parte alla doverosa bonifica ambientale e alla ripresa di un percorso di lotta e di partecipazione sulla pianificazione territoriale e sul futuro di Bagnoli, area strategica nazionale dalle grandi potenzialità, che facciamo nostra, non può essere messo sotto attacco!
Un attacco che non vogliamo comunque subire passivamente, ma su cui crediamo sia necessario interrogare la città e le istituzioni.

APPELLO ALLA CITTÀ E ALLE ISTITUZIONI
Chiediamo al Sindaco e all’amministrazione comunale di assumersi le proprie responsabilità, a fronte delle dichiarazioni di intenti sull’uso dei beni comuni e sulla tutela dell’agibilità democratica dei movimenti, e in particolare della comunità di Bancarotta, prendendo posizione contro l’ennesima ricaduta repressiva e irrazionale sulle comunità in lotta dell’area flegrea, e promuovendo un confronto pubblico per rimettere a delle vere istituzioni partecipative, i movimenti e la cittadinanza attiva, il processo decisionale sull’utilizzo degli spazi dell’ex Lido Pola, e degli altri spazi negati del territorio.

Chiediamo all’Ufficio del Demanio di bloccare immediatamente eventuali procedure di sgombero e assumersi le responsabilità di una gestione fallimentare dell’Ex Lido Pola, in concorso coi privati concessionari, rimettendosi ai processi di partecipazione democratica nella progettazione dell’uso di tali spazi.

Chiediamo infine, ed è la cosa più importante, alla comunità che ha incontrato e attraversato Bancarotta; alla cittadinanza bagnolese e napoletana sensibile e mobilitata sul tema della difesa del territorio e degli spazi sociali; alle associazioni e ai comitati che si battono per la bonifica, la spiaggia pubblica; ad artisti, operatori sociali, docenti, lavoratori, professionisti, che riconoscono e supportano l’autorganizzazione sociale dei bisogni attraverso la riappropriazione degli spazi; a tutti coloro che lo vorranno, di sostenere concretamente la lotta per la riqualificazione sociale dell’Ex Lido Pola, attraverso la partecipazione e la mobilitazione, e di farsi portavoce assieme a noi di questa necessità di spazi sociali come strumento per la trasformazione dal basso dei territori e delle nostre vite.

BonifichiAmo Bagnoli, restituiamo l’ex Lido Pola alla città!

Bancarotta 2.0

>>> aderisci scrivendo a bancarotta.bagnoli@gmail.com, oppure su Fb sul contatto di Bancarotta Bagnoli

PRIME ADESIONI:

Docenti e ricercatori:
Tiziana Terranova – docente, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”
Franco Piperno – docente, Università della Calabria
Valeria Pinto – docente di Filosofia teoretica, Università degli Studi di Napoli “Federico II”
Pino Ferraro – docente, Università degli Studi di Napoli “Federico II”
Giso Amendola – docente di Sociologia del Diritto, Università degli Studi di Salerno
Iain Chambers – docente, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”
Roberta Amirante – docente, Università di Napoli “Federico II”, Facoltà di Architettura
Sergio Pone – docente, Università di Napoli “Federico II”, Facoltà di Architettura
Francesco Caruso – ricercatore, Università della Calabria, Cosenza
Alessandro Arienzo – ricercatore, Università degli Studi di Napoli “Federico II”
Silvana Carotenuto – docente, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”
Stefania Laudonia – docente, Università degli Studi di Napoli “Federico II”, facoltà di Agraria
Riccardo Motti – docente, Università degli Studi di Napoli “Federico II”, facoltà di Agraria
Antonella Batà – Docente Facoltà d’ingegneria Federico II
Diego Civitillo – ricercatore in Geochimica Ambientale, Università degli Studi di Napoli “Federico II”
Luca Manunza – dottorando di ricerca in Sociologia, Università di Genova
Mauro Pinto – dottorando di ricerca, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”
Biagio Quattrocchi – dottorando in economia e junior research
Benedetta Parenti – dottoranda, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”
Nina Ferrante – dottoranda, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”
Caterina Miele – ricercatrice indipendente
Francesco Festa – ricercatore indipendente
Danilo Caracciolo – ricercatore indipendente
Viola Sarnelli – ricercatrice indipendente
Federico Simonetti – ricercatore Federico II
Mario Coiro – dottorando in Plant Science, Politecnico di Zurigo
Giuseppe Aragno – storico e giornalista 

Artisti, operatori, professionisti:
99 Posse
NCCP Nuova Compagnia di Canto Popolare
Jovine
Sangue Mostro
Assalti Frontali
Speaker Cenzou
Emiliano Fittipaldi – giornalista de “L’Espresso”
Bonnot (Assalti Frontali) – compositore e produttore
Daniele Sepe – musicista
‘E Zezi – gruppo musicale
Tonino Porzio – scrittore
Luciano Ferrara – fotoreporter
Ugo Capolupo – regista
Dario Stefano Dell’Aquila – presidente onorario associazione Antigone Campania
Teresa Capacchione – psichiatra
Enrico Beniamino de Notaris – psichiatra
Emiliano Dario Esposito – direttore Epressonline.net
Raimondo Di Maio – editore
Pierpaolo Iermano – cantautore
Gianni Lamagna – musicista e cantante
Alessandro Verna – art director
Luigi Vertaglio – tour manager
Bruno Brillante – presidente associazione Fondi Rustici
Guido Piccoli – giornalista
Matteo Miavaldi – giornalista e scrittore
Peppe Pace – giornalista
Valentina Faraone – giornalista
Stefania Persico – giornalista
Epressonline.net – redazione giornale online, Napoli
Revock Roots Band – musicisti
Slivovitz – musicisti
The Collettivo – band musicale
Crossroads Improring – collettivo musicale
Pmk Pignataro Massive Krew – militanti e musicisti
Carnaviva – musicisti
Macchia Mediterranea – laboratorio di musica tradizionale
La Terza Classe – musicisti
The Combat Rockers, The Clash tribute band – musicisti
Zut! – gruppo musicale
Panic Clown
Small Tile
Dalilah M_Y_A – cantante e musicista
Vincenzo Metalli – scenografo e musicista
Salvatore Gatto – Responsabile centro giovani Peppino Impastato X Municipalità
Gianluca “Cioppi” Albrizio – DJ
Andrea Capuano – avvocato e amministratore d’impresa
Nicola Nardella – avvocato
Alfonso Tatarano – avvocato
Mario D’Alessandro – avvocato
Luigi Daniele – praticante avvocato
Gianpiero Fichera – medico
Toni Esposito – musicista
Simi Cavagnuolo – D.J
Rosario Iermano – musicista
Paolo Sha-One – musicista
Angelo Calabrese – musicista
O’Xango’ – musicista
Paolo Petrella – musicista
Marcello Giannini – musicista
Ciro Riccardi – musicista
Myriam Lattanzio – cantautrice
Conscious Sound – dj
Chiodo Fisso – musicisti
Edoardo M. Frigenti – imprenditore
Tommaso Siniscalchi – geometra
Massimo Di Dato – architetto, Assise Cittadina per Bagnoli
Albachiara Gatto – Designer
Alessandro Ferrara – scrittore e direttore artistico Sigmasofia Onlus
Davide Chiarito – fotografo

Realtà politiche e sociali:
Zero81 – Napoli
Quarto Mondo – Quarto
Comitato Centro Storico Diritti – Salute – Ambiente – Napoli
Comitato di Lotta per la Salute Mentale – Napoli
Assise Cittadina per Bagnoli
Progetto Comunitario X Municipalità
Ex Asilo Filangieri / La Balena – Napoli
Laboratorio Politico Iskra – Napoli, area flegrea
Ba. Fu. Ca. Anema Flegrea
CSOA Depistaggio – Benevento
CSOA Tempo Rosso – Pignataro Maggiore, (Ce)
CSOA Jan Hassen – Salerno
Laboratorio Sociale Autogestito Assalto – Cosenza
Spazio Precario Arrow – Cosenza
Aula Flex Napoli – collettivo universitario, L’Orientale, Napoli
Aula LP Lettere Precarie – collettivo universitario, Federico II, Napoli
Stella Rossa 2006 – progetto di Calcio Popolare, Napoli
Collettivi Autonomi Napoli
Magnammece ‘o Pesone – rete cittadina per il diritto all’abitare, Napoli
Movimento di Lotta Lavoro per i B.R.O.S. B s c
Comitato No-Triv – Benevento
Coordinamento No-Triv – Sannio
Collettivo Riff Raff – Salerno
Rouge SPA Spazi Pubblici Autogestiti – Lioni (Av)
Garibaldi 101 – associazione di promozione sociale, Napoli
Ciclofficina Popolare “Massimo Troisi” – Napoli
Caracol – associazione culturale, Napoli
Jolie Rouge – associazione culturale, Napoli
Aracne – associazione di promozione sociale, Napoli
Bagnoli Power – associazione culturale
Ashiwa – associazione di promozione sociale, Quarto (Na)
Attac Napoli

Attacca il Debito Napoli
Rete della Conoscenza – Campania
Uds – Campania
Link – Napoli
Link – Fisciano
Flegrea Park – associazione di fotografia

Rappresentanti istituzionali:
Arnaldo Maurino – consigliere comunale, Federazione della Sinistra/Laboratorio per l’alternativa, Napoli
Simona Molisso – capogruppo di Ricostruzione Democratica al Comune di Napoli
Carlo Iannello – consigliere comunale, Ricostruzione Democratica, Napoli
Simonetta Marino – consigliere comunale, Napoli
Pietro Rinaldi – consigliere comunale, Federazione della Sinistra/Laboratorio per l’alternativa, Napoli
Massimo Minopoli – consigliere X Municipalità Bagnoli-Fuorigrotta, Napoli
Pino De Stasio – consigliere PRC II Municipalità, Napoli 

Album fotografico

Questo slideshow richiede JavaScript.


2 commenti

Archiviato in #NoSgomberi, Bagnoli, Bancarotta

ONE YEAR IN BABYLON | UN ANNO DI BANCAROTTA !!!

one year babylon

Il 2 Giugno 2012 nasce il collettivo “Bancarotta” con la liberazione e la restituzione di uno spazio lasciato al degrado all’interno dell’ex-area Italsider a Bagnoli, l’ex Banco di Napoli che riforniva gli stipendi a tutti gli operai.

Quello spazio è stato il nostro megafono per denunciare l’immobilismo, le bonifiche mancate, l’assenza di spazi sociali e per rivendicare spiaggia pubblica, sviluppo sostenibile, partecipazione, autorecupero e cooperazione dal basso, portando avanti corsi, laboratori, mercati, concerti, spettacoli, mostre e tanto altro ancora!

L’11 Aprile con l’intervento della magistratura e il maxi-sequestro per disastro ambientale a seguito della mancata bonifica dell’ex-Area Italsider a Bancarotta sono stati posti i sigilli.

Da lì siamo usciti a testa alta in quanto eravamo lì proprio a denunciare la grande truffa di cui i cittadini di Bagnoli, Cavalleggeri, Coroglio in particolare e quelli di tutta la città sono stati vittime, fondando insieme ad altri cittadini e realtà il comitato BonifichiAmo Bagnoli.

NON CI SIAMO FERMATI!

Abbiamo liberato il 17 Maggio un altro spazio, a Coroglio, l’ex Lido Pola, presidio per la Spiaggia Pubblica e nuovo altoparlante per dar voce alle nostre rivendicazioni, e nuovo spazio sociale restituito ai cittadini e sottratto all’abbandono.

Lunedì festeggeremo 1 anno dalla nascita del nostro collettivo, e vogliamo invitare tutti quelli che hanno sostenuto il nostro percorso , per continuare a sostenerci e condividere questo momento di felicità insieme!

ONE YEAR IN BABYLON | UN ANNO DI BANCAROTTA !!!

Evento Fb: https://www.facebook.com/events/561519483900662/?ref=3

Lascia un commento

Archiviato in #NoSgomberi, Bagnoli, Bancarotta, Concerti, Eventi

VERSO L’ASSEMBLEA PUBBLICA DI SABATO 25 MAGGIO – REPORT ASSEMBLEA DI DOMENICA 19 MAGGIO

947076_262444433895910_1058535823_nA pochi giorni dalla liberazione dell’ex Lido Pola, l’assemblea pubblica di domenica 19 maggio ha visto la partecipazione di molti cittadini (del quartiere e non), attivisti e realtà territoriali che hanno espresso appoggio, solidarietà e piena condivisione rispetto all’esperienza di autorecupero proposta per la struttura.

In più di un intervento, forte  è stata la sollecitazione alla concretezza: trattandosi di un luogo politicamente e geograficamente centrale, l’ex Lido Pola è stato investito da un’azione di riappropriazione dal basso che fa riemergere, per l’ennesima volta, la contrapposizione fra istituzioni assenti e soggetti animati dalla voglia di migliorare. Un discorso, questo, che va ribadito e allargato a tutte le realtà che vanno riappropriandosi di ciò che è loro, al fine di trovare soluzioni alternative reali, come, nel caso specifico, la costituzione di un comitato scientifico di ingegneri, architetti e specialisti, che consenta la configurazione di una progettualità vera e propria, anche finanziabile e, auspicabilmente, produttiva di posti di lavoro.

Rifiutando l’interlocuzione con l’amministrazione pubblica, i cui pretestuosi tempi biblici da sempre rappresentano un impedimento al soddisfacimento dei bisogni reali dei cittadini, non si vuole però incorrere nel rischio di essere additati come “semplici occupanti”: ciò che si vuole rivendicare con forza è la partecipazione attiva della cittadinanza alle dinamiche riguardanti la trasformazione territoriale, una trasformazione che in via ancora teorica contemplerebbe la realizzazione della spiaggia pubblica e la bonifica del litorale e dei fondali. Da qui, l’urgenza di fare dell’ex Lido Pola un osservatorio per ampliare e intensificare il lavoro dei comitati Una spiaggia per tutti e BonifichiAmo Bagnoli, per farne uno strumento realmente utile, attraverso le cui iniziative si possa non solo entrare in contatto con i cittadini, ma anche metterli in contatto tra loro.

Quella di Bagnoli, del resto, si delinea sempre più nitidamente come una questione cruciale della città, come della nazione. Dal processo di dismissione che fagocita insaziabilmente spazi pubblici (dalla Mostra d’Oltremare al complesso Zoo/Edenlandia, da San Laise  alla base Nato) al  sequestro “dinamico” delle aree ex Eternit ed ex Italsider, alle relative  indagini (tardive e parziali) per le già evidentissime devastazione ambientale, truffa ai danni dello Stato e mancata bonifica, risulta chiaro che questo territorio non può più essere definito “periferico”: la centralità di Bagnoli al livello nazionale (confermata, peraltro, anche della partecipazione di esponenti NoTav alla Giggin Vitton C.A.P) può farsi strada solo attraverso la costituzione di una comunità veramente resistente che crei reti d’azione oltre che di solidarietà, per giocare una partita politica che inneschi finalmente un cambiamento storico significativo.

Occorre, allora, investire se stessi in sfide apparentemente impossibili: l’autorecupero, la riprogettazione e la gestione partecipate delle funzionalità di questo spazio (che è un pungolo per l’amministrazione pubblica in merito alle questioni di spiaggia e bonifica) sono attuabili se tutti vi investono le proprie energie e si fanno, a loro volta, portatori all’esterno di queste istanze, per richiamare forze ulteriori. Soltanto così, questa discussione aperta può tradursi nella costituzione di una comunità – ben più ampia di quella di Bancarotta – che restituisca utilità reale all’ex Lido Pola, rendendolo innanzitutto agibile e attraversabile mediante un recupero sociale collettivo volto anche a contrastare i pretesti d’impraticabilità a cui s’appiglia la repressione, attualmente inaspritasi a fronte della nuova ondata di esperienze di occupazione e autogestione di spazi pubblici.

Oltre all’osservatorio, si proponeva inoltre un ragionamento sulla sfruttabilità della spiaggia antistante la struttura, con una messa in sicurezza rispetto alla quale potrebbe operare il comitato scientifico di cui ci si auspica la costituzione. Ma moltissime altre attività potrebbero restituire vita all’ex Lido Pola: da sport d’ogni genere a dibattiti, workshop e iniziative informative; dalla promozione artistica (con mostre pittoriche e fotografiche, esibizioni, eventi musicali e teatrali, presentazioni di libri, cineforum) alla divulgazione di saperi e pratiche comuni, con biblioteche, corsi e laboratori.

Nonostante proprio ieri rappresentanti del Demanio, Guardia di Finanza e concessionari dello spazio abbiano minacciato di sgomberare l’edificio (ridotto ad un covo di immondizia e abusivismo proprio a causa delle loro negligenze ultraventennali), la bonifica sociale di questo bene pubblico proseguirà, puntando sempre al coinvolgimento attivo di tutti i cittadini nel processo di autogestione e recupero dal basso: dalla pulizia ad una prima pianificazione lavorativa per la messa in sicurezza, alla ridefinizione partecipata delle funzionalità dello spazio.

Invitiamo, allora, tutti quanti ci abbiano conosciuto e sostenuto ad unirsi al nostro percorso, per affermare e difendere la legittimità di un’iniziativa il cui solo scopo è il ripristino della prerogativa sociale di uno spazio sottratto alla collettività: un obiettivo a cui tutti possono cominciare a contribuire in prima persona partecipando e dando i propri input alla prossima ASSEMBLEA PUBBLICA, fissata per SABATO 25 MAGGIO alle ore 11.30.

Frattanto, diamo appuntamento ogni giorno, dalle 8.00 in poi, all’ex Lido Pola per il presidio permanente della struttura e i lavori di autorecupero dello spazio.

CONTRO ABBANDONO E SPECULAZIONI,

SOSTIENI LA RIQUALIFICAZIONE SOCIALE DEGLI SPAZI PUBBLICI! SOSTIENI BANCAROTTA 2.0!983985_497175997016220_1146335525_n

 
Evento FB: clicca qui 
Guarda il  video su YouMedia
Sul tentato sgombero, vedi anche:
• Napolitoday – leggi articolo
• Espressonline – leggi articolo
• Radiondadurto – leggi articolo
• Contropiano – leggi articolo
• Infoaut – leggi articolo

Lascia un commento

Archiviato in #Magnammeceopesone, #NoSgomberi, Bagnoli, Bancarotta, Eventi, Manifestazioni, Solidarietà, Welfare