Archivi categoria: Bancarotta

13 giugno, ore 17: #PrendiSpazio al Lido Pola – Assemblea verso la gestione comunitaria dello spazio

Il Lido Pola era uno stabile abbandonato da circa 20 anni, lasciato al degrado strutturale, igienico-sanitario e sociale : il 17 maggio 2013 è stato occupato dal collettivo Bancarotta 2.0 per bloccarne la svendita e la privatizzazione, nonché per cominciare un percorso di riappropriazione e di recupero sociale della struttura, con interventi di riqualificazione e messa in sicurezza.

#PrendiSpazio

Questo processo di partecipazione ed auto-organizzazione dal basso ha prodotto dei progressi in fatto di smaltimento dei rifiuti, interventi di messa in sicurezza dei solai e di impermeabilizzazione del tetto, installazione di porte, finestre, servizi, attrezzature per garantire la vivibilità e l’ accessibilità della struttura a tutti.

Attraverso la realizzazione di attività sociali e politiche, artistiche e culturali (assemblee, dibattiti, concerti, esposizioni, presentazione di libri, cineforum, teatro, mostre corsi, laboratori, stage e molto altro ancora) e la partecipazione attiva di coloro che le attraversano, vogliamo dare nuova destinazione d’ uso ad uno dei tantissimi spazi abbandonati di Bagnoli, un quartiere in cui governi ed amministrazioni negli ultimi decenni hanno lasciato spazio solo ad inquinamento, speculazione economica e svendita dei beni pubblici, invece di soddisfare i bisogni e i desideri di chi lo abita.

Tale processo, nonostante l’arrivo delle solite misure repressive, è stato portato da subito all’attenzione del Comune di Napoli e dell’Agenzia del Demanio (proprietaria dello stabile) con la proposta di trovare le modalità per realizzare una gestione partecipata nonché l’auto-recupero della struttura e la bonifica delle aree circostanti dai rifiuti, a partire dal trasferimento dello stabile dalla gestione demaniale a quella comunale.

Al dialogo con le istituzioni sono, però, seguiti pochi fatti concreti: il sito è ancora da bonificare, l’acquisizione da parte del Comune di Napoli è in fase di completamento, non esiste una progettualità né un interesse politico forte nel valorizzare il percorso di partecipazione e di autorecupero costruendo le condizioni per la sua continuità. Dopo due anni di dialogo vogliamo proseguire il percorso senza aspettare, come abbiamo sempre fatto. Stavolta mettiamo al centro la gestione e la progettualità sul futuro del Lido Pola, a partire dalla partecipazione.

Nonostante la forte solidarietà dimostrata in questi anni da abitanti del quartiere e dai movimenti cittadini, sentiamo la necessità di ampliare e condividere la gestione dello spazio con tutte le persone che in questi mesi hanno attraversato, pensato, vissuto, o anche solo sbirciato quanto realizzato finora al Lido Pola: agli attivisti, alle associazioni, agli artisti, ai precari, ai lavoratori, ai disoccupati, agli insegnanti, ai ricercatori, agli studenti e a tutte le persone interessate alla gestione partecipata e comunitaria di una struttura che è una risorsa dell’intera città.

Così come avviene in tanti spazi che in questi anni sono stati occupati e restituiti alla città (l’ex asilo Filangieri, il Giardino di Materdei, Villa Medusa, il convento di S. Fede liberata, il Parchetto di Soccavo, e così via), si vuole proporre un’idea di uso lontana dalla gestione privatistica e dalla logica del profitto connessa ai bisogni e alle lotte dei territori, costruendo reti di solidarietà e mutualismo, facendo della nostra esperienza comune una concreta alternativa politica e culturale alla distruzione del welfare, dei servizi, alla chiusura degli spazi di socialità. Farsi, insomma, anticorpi contro il dilagare di fascismo, razzismo, securitarismo, individualismo, e promuovere insieme un modo diverso di vivere i territori e le relazioni.

Invitiamo tutte/i sabato 13 giugno alle 17:00 al Lido Pola per partecipare, con proposte per nuove attività o per rilanciare le iniziative che sono state realizzate al Lido Pola in questi anni, al dibattito sul percorso di costruzione di un’assemblea di gestione comunitaria.

Sostieni gli spazi sociali, sostieni il Lido Pola: #PrendiSpazio anche tu!

Bancarotta 2.0

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli, Bancarotta, Bonifica, Concerti, Welfare

13 giugno, ore 17: #PrendiSpazio al Lido Pola – Assemblea verso la gestione comunitaria dello spazio

#PrendiSpazio

Il Lido Pola era uno stabile abbandonato da circa 20 anni, lasciato al degrado strutturale, igienico-sanitario e sociale : il 17 maggio 2013 è stato occupato dal collettivo Bancarotta 2.0 per bloccarne la svendita e la privatizzazione, nonché per cominciare un della struttura, con interventi di riqualificazione e messa in sicurezza.

Questo processo di partecipazione ed auto-organizzazione dal basso ha prodotto dei progressi in fatto di smaltimento dei rifiuti, interventi di messa in sicurezza dei solai e di impermeabilizzazione del tetto, installazione di porte, finestre, servizi, attrezzature per garantire la vivibilità e l’accessibilità della struttura a tutti.

Attraverso la realizzazione di attività sociali e politiche, artistiche e culturali (assemblee, dibattiti, concerti, esposizioni, presentazione di libri, cineforum, teatro, mostre corsi, laboratori, stage e molto altro ancora) e la partecipazione attiva di coloro che le attraversano, vogliamo dare nuova destinazione d’uso ad uno dei tantissimi spazi abbandonati di Bagnoli, un quartiere in cui governi ed amministrazioni negli ultimi decenni hanno lasciato spazio solo ad inquinamento, speculazione economica e svendita dei beni pubblici, invece di soddisfare i bisogni e i desideri di chi lo abita.

Tale processo, nonostante l’arrivo delle solite misure repressive, è stato portato da subito all’attenzione del Comune di Napoli e dell’Agenzia del Demanio (proprietaria dello stabile) con la proposta di trovare le modalità per realizzare una gestione partecipata nonché l’auto-recupero della struttura e la bonifica delle aree circostanti dai rifiuti, a partire dal trasferimento dello stabile dalla gestione demaniale a quella comunale.

Al dialogo con le istituzioni sono, però, seguiti pochi fatti concreti: il sito è ancora da bonificare, l’acquisizione da parte del Comune di Napoli è in fase di completamento, non esiste una progettualità né un interesse politico forte nel valorizzare il percorso di partecipazione e di autorecupero costruendo le condizioni per la sua continuità. Dopo due anni di dialogo vogliamo proseguire il percorso senza aspettare, come abbiamo sempre fatto. Stavolta mettiamo al centro la gestione e la progettualità sul futuro del Lido Pola, a partire dalla partecipazione.

Nonostante la forte solidarietà dimostrata in questi anni da abitanti del quartiere e dai movimenti cittadini, sentiamo la necessità di ampliare e condividere la gestione dello spazio con tutte le persone che in questi mesi hanno attraversato, pensato, vissuto, o anche solo sbirciato quanto realizzato finora al Lido Pola: agli attivisti, alle associazioni, agli artisti, ai precari, ai lavoratori, ai disoccupati, agli insegnanti, ai ricercatori, agli studenti e a tutte le persone interessate alla gestione partecipata e comunitaria di una struttura che è una risorsa dell’intera città.

Così come avviene in tanti spazi che in questi anni sono stati occupati e restituiti alla città (l’ex asilo Filangieri, il Giardino di Materdei, Villa Medusa, il convento di S. Fede liberata, il Parchetto di Soccavo, e così via), si vuole proporre un’idea di uso lontana dalla gestione privatistica e dalla logica del profitto, connessa ai bisogni e alle lotte dei territori, costruendo reti di solidarietà e mutualismo, facendo della nostra esperienza comune una concreta alternativa politica e culturale alla distruzione del welfare, dei servizi, alla chiusura degli spazi di socialità. Per farsi, insomma, anticorpi contro il dilagare di fascismo, razzismo, securitarismo, individualismo, e promuovere insieme un modo diverso di vivere i territori e le relazioni.

Invitiamo tutte/i sabato 13 giugno alle 17:00 al Lido Pola per partecipare, con proposte per nuove attività o per rilanciare le iniziative che sono state realizzate al Lido Pola in questi anni, al dibattito sul percorso di costruzione di un’assemblea di gestione comunitaria.

Sostieni gli spazi sociali, sostieni il Lido Pola: #PrendiSpazio anche tu!

Bancarotta 2.0

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli, Bancarotta, Bonifica, Solidarietà

[COMUNICATO STAMPA] BANCAROTTA BRUCIA. LE FIAMME PRIMA DEL COMMISSARIAMENTO

Conferenza stampa sabato 7 marzo ore 12 in via Coroglio n° 49, fuori i cancelli di Bancarotta

10339386_731035973684467_4887018685413014303_o

Appiccato questo pomeriggio un incendio a Bancarotta, l’ex banca nell’ex area Italsider su via Coroglio occupata nel 2012 dai movimenti e poi posta sotto sequestro dalla Magistratura nell’ambito dell’inchiesta per truffa e disastro ambientale nei confronti dei vertici di BagnoliFutura.

L’ingresso è stato immediatamente presidiato dalla polizia, i vigili del fuoco invece sono intervenuti dopo circa un’ora dopo, a seguito di ripetute segnalazioni.

Ancora non sono chiare la natura dell’incendio e l’entità dei danni, ma la matrice dolosa appare scontata.

Parte della struttura è andata distrutta. Dai primi accertamenti dei vigili del fuoco risulta inoltre che le fiamme sono divampate dall’interno,e non accidentalmente. La polizia presente sul posto ha comunicato che la scientifica non farà i rilievi che domani mattina, a distanza di un giorno dall’accaduto: una procedura, a nostro avviso, piuttosto anomala rispetto alla gravità dei fatti.

11043332_731035927017805_5473325891852945855_o

Con notevole puntualità, a pochi giorni dall’annuncio del governo di un imminente arrivo del Commissario straordinario su Bagnoli avversato dai comitati cittadini e dalle amministrazioni locali, l’incendio arriva”oggettivamente” a consolidare la logica emergenzialistica chesostiene lo stesso commissariamento e le ragioni della speculazione edilizia.

Ricordiamo che a poche centinaia di metri ci fu, giusto due anni fa, il clamoroso incendio di Città della Scienza di cui nulla si sa di ufficiale su mandanti ed esecutori.

I movimenti di Bagnoli vedono in quest’atto un nuovo capitolo della speculazione criminale e un tentativo di intimidazione a chi vi si oppone. A due anni di distanza, il sequestro della Magistratura è servito solo a interrompere le attività di riqualificazione sociale dello spazio: la custodia giudiziaria lo ha consegnato all’incuria e all’abbandono senza tutelarlo da danneggiamenti e da atti di vandalismo, già precedentemente denunciati, nonché dall’incendio di oggi.

Questo è il risultato dell’abbandono e della guerra a bassa intensità che i poteri forti stanno giocando su questa parte di città per mettere in fuori gioco chi rivendica e si riappropria di spazi e di diritti! Se venisse confermata ufficialmente la matrice dolosa, non possiamo non considerare la natura intimidatoria del gesto.

Domattina,sabato 7 marzo, invitiamo tutti a prendere parte alla conferenza stampa alle ore 12 fuori Bancarotta, in via Coroglio n°49.

Ora è il momento di difendere inostri territori e la nostra agibilità!

10984209_731035917017806_1180190112203208135_n

NO AL COMMISSARIAMENTO E ALLA SPECULAZIONE
DIFENDIAMO GLI SPAZI SOCIALI E IL FUTURO DI BAGNOLI

Lascia un commento

Archiviato in Bancarotta

INTIMIDAZIONI GIUDIZIARIE CHE… FANNO ACQUA DA TUTTE LE PARTI! La magistratura fa un favore ai privati e criminalizza ancora l’esperienza di recupero sociale del Lido Pola.

[COMUNICATO UFFICIALE] INTIMIDAZIONI GIUDIZIARIE CHE… FANNO ACQUA DA TUTTE LE PARTI!
La magistratura fa un favore ai privati e criminalizza ancora l’esperienza di recupero sociale del Lido Pola.

1017494_286999321440421_953025299_nPochi giorni fa sono stati notificati avvisi di garanzia a due attivisti del collettivo Bancarotta 2.0 per furto aggravato e con concorso formale (una sorta di associazione a delinquere) per un allaccio alla rete idrica dell‘ABC (che ironia della sorte sta per Acqua Bene Comune), e il furto di acqua per un valore di circa 2800 € (un consumo assolutamente esagerato per una struttura disabitata e utilizzata solo a scopo sociale, di cui non sappiamo come è avvenuta la misurazione!) in corrispondenza della struttura del Lido Pola liberato a Coroglio.
Il Lido Pola, lo ricordiamo, è una struttura demaniale (pubblica) che ha vissuto per anni in stato di abbandono e su cui si accapigliano le mire speculative dei privati (in primis gli ex concessionari inadempienti) come è avvenuto sul resto del litorale Bagnoli-Coroglio provocando ed aggravando lo scempio edilizio, sociale ed ambientale della mancata bonifica e del disastro dell’area occidentale di Napoli. Da quasi due anni è stata occupata e rifunzionalizzata attraverso un percorso di partecipazione che ha coinvolto centinaia di persone in iniziative a carattere culturale, musicale, politico e sociale, nel solco di un movimento per i beni comuni che in città ha prodotto tante esperienze virtuose di recupero sociale di spazi abbandonati, talvolta svolgendo funzioni che toccherebbero al pubblico.
Col lavoro volontario e militante di tanti attivisti e amici, si è contribuito a raccogliere i fondi e a svolgere i lavori per la messa in sicurezza, la ristrutturazione, l’impermeabilizzazione del tetto, la messa in funzione dei sanitari e degli impianti, il restyling, le attrezzature, per la gestione e la manutenzione ordinaria e straordinaria della struttura.
L’ex Lido Pola è l’unico bene pubblico, collocato nel borgo di Coroglio, che si sta tentando di rifunzionalizzare in maniera trasparente, democratica e a scopo sociale, a differenza di tutti gli altri stabilimenti presenti su suolo pubblico, che vengono utilizzati per attività private da alcune aziende, fondazioni e associazioni.
Ricordiamo che come Bancarotta 2.0 abbiamo da subito coinvolto il Comune di Napoli chiedendo agli uffici di competenza di avviare le procedure per acquisire il Lido Pola nel patrimonio pubblico comunale, togliendolo all’incuria dell’Agenzia del Demanio, e salvandolo così dall’abbandono e dalla speculazione dei privati, dandogli una destinazione d’uso sociale, e avviando un percorso di ri-progettazione partecipata di quegli spazi con la cittadinanza e la comunità che se ne prende cura. Questi da sempre gli obiettivi, pubblici, dichiarati, chiari, di questo movimento! 

Ora la Procura accusa, non sappiamo con quali elementi probatori, due persone per aver concorso a un “disegno criminoso atto a realizzare profitti attraverso l’occupazione abusiva di uno stabilimento balneare” (dimenticando che si tratta di un rudere su un litorale inquinato e non balneabile).

Un’offesa e una beffa per chi si batte da anni con i cittadini per la bonifica e la spiaggia pubblica a Bagnoli, e contro la logica del profitto che ha prodotto solo devastazione e abusivismo.
Al di là della gravità delle accuse, costruire un teorema accusativo sulla base di un allaccio a una rete idrica che è stata dichiarata Bene Comune da un referendum popolare e poi dall’amministrazione è un paradosso inaccettabile e pericoloso, specie se accompagnato all’accusa infame dei profitti.
A Napoli migliaia di persone non possono pagare le bollette, ma nessuno può pensare di trasformare la questione della distribuzione idrica, che è un bene fondamentale, in una questione criminale o peggio in uno strumento di criminalizzazione dei movimenti. L’acqua è un bene comune e nessuno può esserne privato. L’uso di un bene comune, in uno spazio comune, di proprietà pubblica, non può essere un reato. Questo dovrebbero saperlo bene i vertici e i funzionari di ABC, la società Acqua Bene Comune costituita da Alberto Lucarelli per invertire la tendenza della privatizzazione e assicurare una gestione idrica che andasse verso la tutela dell’acqua bene comune, come aveva sancito il voto di milioni di italiani al referendum del giugno 2011. Ma forse si sono distratti: e hanno fatto partire la denuncia!
Alla Magistratura vorremmo ricordare che il movimento criminoso atto a trarre profitti sul territorio di Bagnoli non è “Bancarotta 2.0”, ma forse quello che riguarda gli imputati dei processi per truffa allo stato e devastazione ambientale (per un valore che supera i 500 milioni di euro), dunque i vertici della defunta BagnoliFutura, le grandi imprese del cemento come Fintecna e il gruppo Caltagirone, i carrozzoni politici e clientelari che hanno favorito la devastazione sociale ed ambientale del nostro quartiere negli ultimi venti anni, agendo in deroga alle leggi secondo una logica di spartizione di poltrone, incarichi, interessi, posti di lavoro, voti e favori.
Queste accuse assurde e insopportabili costituiscono un favore ai privati, agli speculatori e ai veri abusivi da un lato, e a coloro che stanno caldeggiando l’ipotesi nefasta del commissariamento, sancita dal governo con la legge Sblocca-Italia, a Bagnoli e l’ulteriore espropriazione di democrazia e della possibilità di una comunità territoriale di decidere e costruire il proprio futuro.

Chiediamo a tutt* quelli che abbiamo incrociato in questi anni di lotte e di riappropriazione di continuare a sostenere Bancarotta 2.0 e l’esperienza di recupero sociale del Lido Pola per difenderla dall’attacco della magistratura che fa un favore ai poteri forti, ai privati, agli speculatori, ai partiti che da anni hanno mal governato questo territorio e questa città.

Giù le mani dai beni comuni!
Altro che profitti, siamo ancora in Bancarotta (2.0)!

Napoli, 24 febbraio 2015

Bancarotta 2.0 _ Lido Pola liberato

Twitter:

Lascia un commento

Archiviato in Bancarotta

Strappiamo il Lido Pola alla speculazione e restituiamolo alla città! Il voto in consiglio comunale…

In questo periodo verrà discussa in consiglio comunale la delibera per l’acquisizione dell’ex Lido Pola – uno stabile di proprietà demaniale abbandonato da oltre 10 anni, e ridotto per molto tempo ad una discarica abusiva, costruito sulla Spiaggia di coroglio negli anni ’50 e divenuto col tempo un punto di riferimento per la socialità del territorio e della città – e di un pacchetto di altri beni del patrimonio pubblico demaniale. Un passaggio fondamentale per bloccare i processi di svendita e speculazione su tali beni, sottrarli all’abbandono e agli abusi, ma un passaggio ancora insufficiente se non viene interpretato come la condizione per restituire effettivamente questi beni alla città, attivando processi di riprogettazione partecipata dell’uso di questi spazi che rispondano ai bisogni sociali che dai territori e dai conflitti sociali si esprimono e si sviluppano.DSC_0245
Da più di un anno il Lido Pola é oggetto di una bonifica, sociale ed ambientale, ad opera della comunità di bancarotta e degli abitanti del territorio che si oppongono alle politiche di svendita, privatizzazione e cementificazione del patrimonio pubblico e naturale dell’ area occidentale della città di Napoli.
Una bonifica “dal basso” cominciata con l’occupazione e proseguita con l’autogestione e l’autorecupero dello spazio. Un’operazione che ha incontrato non pochi ostacoli e difficoltà, e anche qualche nemico: come gli ex concessionari privati, che dopo anni di abbandono, poche ore dopo l’occupazione dello stabile, si sono ricordati di quel luogo tanto meraviglioso quanto distrutto, per rivendicarne i diritti in nome della sua messa a reddito, per conto di un contenzioso giudiziario con l’Agenzia del Demanio.
Noi come collettivo di Bancarotta 2.0 abbiamo protestato sia nei confronti del Demanio, che chiamando in causa il Comune di Napoli, affinchè si impedisse che dopo anni di abbandono e degrado – mal sopportato anche dagli abitanti del quartiere di Coroglio – la struttura finisse di nuovo nelle mani dei privati, aggiungendo un altro tassello alla privatizzazione e alla messa a profitto del litorale Coroglio-Bagnoli: uno scempio di commercializzazione selvaggia che gli abitanti hanno dovuto subire in questi anni, accanto alla mancata bonifica e al disastro delle politiche di riqualificazione dell’area post-industriale.
Abbiamo subito per questo prima minacce e intimidazioni, poi anche le denunce. E ancora oggi serpeggia, anche in ambito istituzionale, nel consiglio comunale, la volontà di bloccare questo processo sbandierando una presunta legalità vuota e arrogante, ma di fatto coprendo gli interessi della speculazione privata e dei veri “abusivi” di questa città! Lo sappiamo e non ci spaventa, anzi ci dà ancora più coraggio e determinazione nel proseguire il percorso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La struttura del Lido Pola, rimasta per anni fatiscente e abbandonata, oggi rivive con decine di attività – concerti, proiezioni, assemblee, laboratori, corsi, reading, spettacoli teatrali, mostre, dibattiti, cineforum – completamente autogestite, grazie alla fatica e alla determinazione di una comunità che lo anima.
Attraverso lenti ma inesorabili interventi di manutenzione questa stessa comunità procede da un anno e mezzo all’autorecupero della struttura, per restituirla pezzo dopo pezzo all’uso comunitario.

Riteniamo, oggi come all’indomani dell’occupazione, un passaggio fondamentale l’acquisizione dell’ex Lido Pola nel patrimonio pubblico da parte del Comune di Napoli per sottrarlo alla speculazione in atto e dare una risposta agli abitanti del quartiere che dia la possibilità di immaginare e praticare uno sviluppo alternativo e sostenibile delle risorse del territorio, a partire dalla bonifica dei suoli e del mare , la realizzazione della spiaggia pubblica come richiesto dal referendum cittadino promosso dal comitato una spiaggia per tutti , del grande parco urbano. Un passaggio – lo ripetiamo – fondamentale ma non sufficiente.
Per noi questa è la condizione per avviare – assieme alla comunità di Bancarotta 2.0 e del Lido Pola, agli abitanti del borgo di Coroglio, dei quartieri di Bagnoli, Fuorigrotta e Cavalleggeri, e al tessuto associativo culturale e di movimento sul territorio – una effettiva riprogettazione partecipata dello spazio e del suo uso comune, a partire dai bisogni sociali e dalle lotte che questo territorio esprime.

L’acquisizione del Lido Pola e degli altri beni demaniali rappresenterebbe quindi un primo importante risultato non solo per la nostra comunità, ma per quanti condividono un’idea di città fuori dalle logiche del profitto e della rendita, della speculazione, della cementificazione, e che vogliono contrastare il degrado, la povertà, l’emarginazione e la distruzione del welfare, con la lotta e la conquista di spazi sociali. Un processo di crescita che si nutre dei conflitti, che stanno fuori dal perimetro istituzionale, e che senza necessariamente pontificare di beni comuni e partecipazione, sperimenta qui ed ora la riappropriazione sociale di spazi e tempi di vita.

Vogliamo dunque porre l’attenzione e vigilare sull’acquisizione nel patrimonio comunale del Lido Pola e delle altre strutture e, insieme, mobilitarci per attivare percorsi di partecipazione e di lotta per restituirli alla città, attraverso modelli di riprogettazione partecipata e attraverso tutte le sperimentazioni creative e organizzate che le lotte saranno in grado di produrre in città.

Bancarotta 2.0 – Lido Pola liberato

FB (pagina): Bancarotta

FB (pagina): Bancarotta Bagnoli

TWITTER: Bancarotta Bagnoli (@banca_rotta)

EMAIL: bancarotta.bagnoli@gmail.com

Lascia un commento

Archiviato in #NoSgomberi, Bagnoli, Bancarotta, Prese di posizione

Prima assemblea del centro-sud contro lo SbloccaItalia

Prima assemblea del centro-sud contro lo SbloccaItalia @ L'Asilo

Prima assemblea del centro-sud contro lo SbloccaItalia @ L’Asilo

COMUNICATO FINALE

Ad un mese dalla mobilitazione di Bagnoli del 7 Novembre, sull’onda delle mobilitazioni di questi mesi (da Potenza alle marce contro il biocidio) si è svolta la prima partecipatissima assemblea del centro-sud contro lo SbloccaItalia.

Un primo importante momento di confronto, con centinaia di partecipanti, tra realtà, organizzazioni, coordinamenti, comitati e resistenze territoriali con l’obiettivo di costruire unitariamente una campagna contro la legge SbloccaItalia, inserita all’interno di una generale aggressione del capitale alle condizioni di vita, economiche, sociali ed ambientali.

L’articolato del decreto è una raffica di misure per la svendita del patrimonio immobiliare pubblico, la deregolamentazione degli interventi edilizi, il rilancio indiscriminato delle grandi opere inutili, l’incentivazione degli strumenti finanziari a servizio della speculazione, la promozione degli impianti per l’incenerimento dei rifiuti, commissariamenti, l’agevolazione delle trivellazioni per la ricerca e l’estrazione di idrocarburi, la proliferazione di gasdotti e gassificatori.

Passato con l’ennesima fiducia al Senato con l’accelerazione da parte dell’esecutivo, il governo con lo Sblocca-Italia è riuscito paradossalmente nell’intento di unire le tante vertenze territoriali.

L’esigenza di una campagna nazionale nasce non solo per includere le singole vertenze in un contenitore che le rafforzi ma anche e soprattutto a prefigurare un movimento effettivamente unitario che contrasti questo decreto nella sua interezza essendo inserito organicamente nella logica politica che ispira tutte le controriforme del governo Renzi sul lavoro, la scuola, la casa, il governo del territorio, i servizi locali: dal Jobs act alla Buona scuola, dalla legge Lupi sull’urbanistica al Piano casa.

L’assemblea esprime l’esigenza di costruire in maniera condivisa, con i tempi ed i passaggi opportuni, uno spazio di coordinamento che connetta tutte le vertenze in prospettiva di un superamento della pur positiva esperienza delle reti di mutuo soccorso.

Si valuta positivamente la proposta di una mobilitazione coordinata sui territori da realizzarsi entro fine Dicembre, possibilmente lo stesso giorno, per spingere le Regioni ad impugnare lo Sblocca-Italia di fronte alla Corte Costituzionale.

Sul piano organizzativo, e’ stata condivisa la proposta di costruire una assemblea nazionale attraverso assemblee di macro area. Il 14 dicembre si terra’ presso Pescara la assemblea delle realtà di Abruzzo, Molise e Marche. Per quanto riguarda il Sud, si e’ espressa l’esigenza di ampliare la rappresentatività dell’assemblea di oggi, lavorando ad un nuovo momento d’incontro anche con altre realtà meridionali; per tale incontro si e’ individuata la data del 18 gennaio, presso un luogo più baricentrico rispetto al sud quale la Certosa di Padula – Salerno. Attraverso questo appello ed i contatti con i comitati attivi del nord , si sollecita la convocazione di un assemblea di macro-area anche nel Nord. In modo da arrivare ad un assemblea nazionale verso la metà di Febbraio con la proposta all’ordine del giorno di una mobilitazione unitaria e nazionale contro lo Sblocca-Italia.

Ribadiamo che chi “devasta e saccheggia” è lo Stato, il quale mentre attacca le comunità che si oppongono ai processi speculativi assolve chi inquina ed uccide come nel caso del processo Eternit.

La generalizzazione delle lotte è la risposta politicamente più forte all’ondata repressiva che sta montando contro le esperienze di resistenza sui territori: dalla NoTav a Bagnoli, passando per le accuse ai NoTriv lucani, fino ai NoMuos.

Le varie iniziative che si svilupperanno sui territori già calendarizzate potrebbero condividere l’utilizzo di un unico canale comunicativo (anche attraverso hashtag in rete “No #SbloccaItalia”) che dia il senso della costruzione di un unico coordinamento inclusivo.

_____________________________________________________________________

Calendario delle iniziative sui territori

Sabato 13 Dicembre

Assemblea pubblica “StopBiocidio” all’Auditorium di Caivano

Manifestazione a Cagliari contro le servitù militare della Sardegna

Venerdi 19 Dicembre

Manifestazione “Difendiamo Taranto – No a Tempa Rossa” h 17:00 Zona Palamazzola

Per fine Dicembre – Manifestazione e Presidi a Pisticci ed altrove

Sabato 3 Gennaio Irpinia – Gesualdo

Manifestazione contro il Pozzo Gesualdo 1

_____________________________________________________________________

Prima Assemblea del Centro-Sud contro lo Sblocca-Italia

Partecipanti: Laboratorio Politico Iskra, Assise cittadina per Bagnoli, Coordinamento Studenti Flegrei, Stop Biocidio, Comitato No Inceneritore di Giugliano, Bancarotta/Lido Pola Bagnoli, Stop Tempa Rossa di Taranto, No Triv Potenza – Coordinamento Basilicata, Rap Molise, Zer081, Attac Napoli, StopTTip, Cantiere Sociale Chiaiano, Lab. Occ. Insurghencia, Coordinamento Nazionale No Triv – Sez.Basilicata, Communia Lazio, Rete Campana Salute Ambiente, Comitato Acqua Pubblica Salerno, Coord. Regionale Acqua Pubblica Campania, Rete Ambiente e Salute Salerno, PRC Salerno, Laboratorio sociale per i beni comuni – Potenza, L’altra Europa/L’altra Campania, No Triv Sannio, No Triv Irpinia, Abruzzo Social Forum, Forum abruzzese – Movimenti per l’Acqua, Coordinamento Comitati Fuochi, Usb/Ross@, Usb – Gruppo di lavoro Società Partecipate, Radio Vostok, Isde Salerno, Isde Puglia, Laboratorio Politico Kamo.

 

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli, Bancarotta, Bonifica, Manifestazioni, Orizzonti Meridiani, Prese di posizione, Solidarietà, Welfare

Basta precarietà e ricatti… blocchiamo il paese! Il #14nov è #scioperosociale!

Basta precarietà e ricatti… blocchiamo il paese! Il #14nov è #scioperosociale!

Io sciopero… noi scioperiamo. Le ragioni?

10599642_10205153749632773_2050700534605926638_n

Regola n.1: Se è gratis, non è lavoro
Regola n.2: Circa 3 euro/l’ora di media non è retribuzione, è schiavitù
Regola n.3: Togliere i (pochi) diritti a chi li ha non vuol dire darli a chi ne è privo
Regola n.4: Sorridere, essere disponibili, flessibili, accondiscendenti non sono qualità professionali da sviluppare.
Regola n.5: Dopo circa 15 anni e milioni di dati molto chiari, possiamo dire che “Più i lavoratori saranno flessibili più l’occupazione crescerà” è una colossale menzogna
Regola n.6 : Anche noi ci chiediamo dov’erano i sindacati in questi anni, anche noi crediamo che non siano più in grado di comprendere le trasformazioni del lavoro: proprio per questo continuiamo a lottare per salario, reddito universale e welfare.
Regola n.7: 3 anni di apprendistato per imparare a rispondere al telefono non è “formazione”, è una truffa.
Regola n.8: Arriveranno le “tutele crescenti” nei contratti di inserimento: I diritti sono un gioco a premi? Spettano solo a chi è anziano, a chi resiste un secondo più degli altri?
Regola n.9: Essere giovani non è una colpa, anche se nel mercato del lavoro sembrerebbe il contrario.
Regola n.10: Muoversi ora per non rimanere schiacciati per sempre.
Io il #14Novembre incrocio le braccia per 24 ore, a mezzanotte nei luoghi della movida, la mattina tra picchetti e corteo, il pomeriggio invadendo le strade di oltre 60 città italiane, sulla rete e sui treni, con video, foto o spillette, con i corpi o in mille altri modi…facciamo in modo che il #14novembre non sia un giorno normale. #socialstrike -3

10389190_763675753669140_5168866036036305583_n

Allo stato attuale:
1. Se sei precario non hai diritto alla casa;
2. Se sei disoccupato non hai diritto alla casa;
3. Se sei studente e vuoi la tua indipendenza, sei costretto a fare lavori sottopagati e in nero per pagarti l’affitto, in quanto studente non hai nessun diritto alla casa nella città in cui studi;
4. Se sei precario non puoi permetterti di pagare l’affitto a meno che non fai 2 o 3 lavori contemporaneamente;
5. Se lavori 10-12 h al giorno non è vita;
6. Se sei precario, studente o disoccupato ci pensi due volte prima di non andare a lavoro perché sei malato;
7. Se sei precario, disoccupato o studente e hai deciso di occupare per rispondere all’emergenza abitativa, grazie al piano casa del Ministro Lupi non hai diritto alla residenza e all’allaccio delle utenze;
8. se non hai la residenza non puoi mandare i tuoi figli a scuola nel quartiere dove vivi;
9. se non hai la residenza non hai accesso al medico di base nel tuo quartiere;
10.se non hai le utenze non puoi vivere in maniera dignitosa.

Riappropriarsi di ciò che è nostro non è reato!

Occupare è una forma di resistenza e di lotta alla precarietà.
Occupare è riappropriarsi di reddito indiretto per vivere una vita dignitosa e libera.
#nopianocasa #garantiamociunfuturo #scioperosociale #14N —>https://m.facebook.com/events/1598124783742993/

Lascia un commento

Archiviato in #Magnammeceopesone, Bancarotta, Manifestazioni, Reddito, Solidarietà, Trasporti, Welfare